ScuolAnticoli

Libera Scuola di Umanità, senza fedi né credi,

ispirata alle scoperte di Massimo Fagioli e alla Costituzione.

Diretta da Luigi Scialanca - Anticoli Corrado (Roma).

Pensiero del Giorno.

Pensiero del Giorno n° 1.060

Pensieri precedenti

Non essere gelosi è meglio che esserlo, così come temere

di non amare tanto è meglio che esser certi di amare poco.

*

Da bambino e da ragazzino, per anni, sognai di fare l’astronauta. Ero così sicuro di non voler fare altro, che studiavo per conto mio astronomia e storia dell’astronautica, mi tenevo costantemente aggiornato sulle imprese spaziali americane e russe, e scrissi lettere (in italiano) a Werner von Braun (del quale allora non conoscevo i trascorsi nazisti) e a John Glenn, che cortesemente mi risposero. In estate, dopo cena, fino a tardi scrutavo la Luna, i pianeti e le stelle con un piccolo telescopio. E ogni settimana redigevo, su fogli di quaderno a quadretti piccoli, un giornalino illustrato astronomico-astronautico-fantascientifico che circolava tra i parenti al prezzo di cento lire.

Ma poi, finite le medie, i miei genitori riuscirono a convincermi, con argomenti non disprezzabili, a iscrivermi al Liceo classico anziché allo scientifico, come io desideravo. Tacendomi, però, che l’argomento per loro più importante era che se avessi scelto lo scientifico, avrei dovuto lasciare l’Istituto...

Così la mia vita prese una strada diversa. Ma la passione è rimasta intatta.

Eppure, ogni anno, quando le ragazze e i ragazzi di Terza media decidono sul proprio futuro, provo sempre una grande emozione e sono molto preoccupato per loro. Per quelli che all’apparenza non hanno sogni, naturalmente. Ma anche, e soprattutto, per quelli che mi sembra che li abbiano.

(Sabato 21 gennaio 2017. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

 

*

 

Erra, o mente per ingannare, chi asserisce o ripete “a pappagallo che la violenza della Natura dimostra, o addirittura insegna, che noi non siamo niente.

Se davvero fossimo niente, infatti, non saremmo sconvolti e non proveremmo alcun dolore, quando un terremoto uccide e distrugge. Non soffriremmo, no, affatto, assistendo impotenti alla morte e alla distruzione... del niente. Soffriamo, forse, quando vediamo una pietra, rotolando giù da un declivio, schiacciare un insetto? Eppure, perfino un insetto è più che niente.

No. Noi proviamo un immenso dolore, quando la violenza della Natura uccide e distrugge, poiché sentiamo e sappiamo che ogni singola vita umana, anziché niente, è tutto. Poiché sentiamo e sappiamo che quel tutto, che ogni singola vita umana è, è un irripetibile infinito.

È vero l’opposto: la violenza” della Natura (che di per sé non è violenza) è tale soltanto per noi. Sia nel senso che nessun altro animale può sentirla e pensarla come tale (neanche mentre ne muore), sia (e soprattutto) nel senso che nessun’altra morte, dalla Natura causata, è la morte di un infinito tutto.

Solo a chi non vuole e non ammette che siamo tutto, la violenza” della Natura dimostra che siamo niente. Solo a chi, non volendo rimanere umano, odia l’umanità degli esseri umani. Perciò, per favore, se invece non siamo così, non ripetiamo “a pappagallo” questa pazzesca menzogna. Non mischiamoci, neanche in uno sciocco o disperato momento di superficialità, alla miseranda schiera di chi scambia il tutto col niente.

(Giovedì 19 gennaio 2017. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

 

*

 

Oggi, mercoledì 18 gennaio 2016, dopo la seconda e terza scossa di terremoto, tutte le Scuole del Centro Italia sono state chiuse. Evacuate? No: chiuse. Tutte insieme, e pressoché nello stesso momento.

L’ordine, quindi, anche se qua e là singoli dirigenti scolastici l’hanno fatto passare per proprio, non può che essere venuto “dall’alto”. E predisposto e concordato da tempo, o non sarebbe stato così tempestivo.

Decisione giusta? Io preferisco definirla obbligata.

Lo Stato italiano, cioè, o quel che ne rimane, sa perfettamente che le “sue” Scuole ― cioè, in realtà, le Scuole di noi tutti ― sono (per la maggior parte, non parlo della Scuola di Anticoli Corrado) più pericolose di quasi ogni altro edificio. E obbligatoriamente, pertanto, ha ordinato a tutti i bambini e i ragazzi d’Italia di andarsene a casa.

Ma le Scuole non erano, un tempo ― o comunque non dovrebbero essere ― gli edifici più sicuri? Mi sbaglio, o qualche decennio fa vedevamo in tv i terremotati rimasti senza casa rifugiarsi nelle palestre scolastiche? Cosa è successo, tra allora e oggi? Siamo stati tutti abbandonati dallo Stato, sì o no? E per primi i bambini e i ragazzi, sì o no?

Lo Stato, o quel che ne rimane, non può ormai che ordinare: Ognuno pensi a sé! Si salvi chi può! E mentre noi e i nostri figli abbandoniamo la nave, lo Stato (o, per meglio dire, chi lo ha occupato) rimane a bordo, sì, ma per continuare a farsi gli affari suoi.

(Mercoledì 18 gennaio 2017. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

 

*

 

"Anticoli che Vorrei" (Luigi Scialanca - scuolanticoli.com) e "Anticoli che Desidero" sono due pagine molto diverse\, con diversi amministratori e una diversa linea culturale e politica.

Mi sono reso conto che molti Anticolani e Anticolane non sanno che Anticoli che Vorrei e Anticoli che Desidero sono due pagine Facebook molto diverse.

Un po’ di storia. Nella seconda metà del 2010, insieme a Laura Amicone, fondai la pagina Anticoli che Vorrei. Ma, essendo ancora inesperti di Facebook, commettemmo l’errore di nominare amministratori della pagina tutti coloro che le davano il mi piace. Com’è come non è, dopo poche settimane uno di quegli amministratori (la cui identità è rimasta sconosciuta) chiuse la pagina. O, per meglio dire, la cancellò. Come se non fosse mai esistita.

Per prudenza, avevo però copiato e salvato tutti i post e le immagini che su Anticoli che Vorrei avevamo pubblicato. Io e Laura Amicone, quindi, potemmo rifondarla: la chiamammo Anticoli che desidero, ne fummo gli unici amministratori e la aggiornammo insieme (anche se ognuno per proprio conto) per oltre cinque anni.

È lAnticoli che Desidero che esiste tuttora. Ma io, Luigi Scialanca, non la amministro e non ci scrivo più dall’aprile 2016.

Circa un anno prima, alla fine di febbraio del 2015, avevo creato una nuova pagina Facebook restituendole l’“antico” nome di Anticoli che Vorrei e amministrandola da solo mentre, contemporaneamente, continuavo a collaborare anche ad Anticoli che Desidero. Ma poi, nell’aprile del 2016, quando Francesco Putignani, Andrea Pietropaoli, Laura e Stefania Amicone, in vista delle imminenti elezioni comunali, proposero alle forze politiche anticolane (L’Arcobaleno, diventato Anticoli al Centro, e gli Uniti per Anticoli) di convergere in un’unica lista (proposta il cui fallimento indusse i suoi promotori a presentare alle elezioni una terza lista denominata LiberAnticoli), io, in profondo (ancorché rispettoso) disaccordo con tali iniziative, di mia volontà mi cancellai da amministratore di Anticoli che Desidero.

Da allora, pertanto, per quel che ne so, tutti i post e le prese di posizione di Anticoli che Desidero sono da ascriversi esclusivamente a Laura Amicone. Non al sottoscritto. Io, Luigi Scialanca, scrivo su Anticoli che Vorrei. E soltanto lì.

Anticoli che Vorrei: questa è la pagina per chi ama Anticoli. Per chi ci si arrabbia. Per chi non ne può più. Per chi ne potrà sempre. Per chi vorrebbe andarsene. E per chi non se ne andrebbe mai.

Anticoli che Desidero è un’altra cosa. Rispettabilissima, intendiamoci. Ma del tutto un’altra cosa.

(Venerdì 13 gennaio 2017. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

 

*

 

Interessante articolo su Le Scienze di gennaio: Un nuovo modo di vedere il linguaggio - Gran parte della rivoluzione linguistica operata da Noam Chomsky, compresa la spiegazione di come impariamo le lingue, è rimessa in discussione, di Paul Ibbotson, docente di Sviluppo del linguaggio alla Open University, con sede nel Regno Unito, e Michael Tomasello, condirettore del Max-Planck-Institut für evolutionäre Anthropologie di Lipsia, in Germania.

Secondo gli autori, “l’idea che il nostro cervello sia intrinsecamente dotato di uno stampo mentale per l’apprendimento della grammatica”, cioè la teoria della grammatica universale di Noam Chomsky, dopo oltre mezzo secolo di quasi incontrastato dominio sulla linguistica, la psicologia e le scienze cognitive, non è più sostenibile e “inizia a essere abbandonata in massa in seguito a nuove ricerche dedicate a molte lingue diverse e al modo in cui i bambini imparano a capire e parlare la lingua della propria comunità: ricerche che non confermano le asserzioni di Chomsky”.

“Nei fatti” sostengono Ibbotson e Tomasello, “l’idea di una grammatica universale innata è contraria alle prove, che rivelano invece che i bambini imparano la lingua attraverso le interazioni sociali e si esercitano nelle costruzioni della frase elaborate dalle comunità linguistiche nel corso del tempo”. Se nella capacità linguistica umana vi è qualcosa di preesistente alla nascita, si tratta piuttosto di “una facoltà specie-specifica di decodificare le intenzioni comunicative altrui: ciò che chi parla vuole dire”. Con la quale i bambini non imparano a parlare ubbidendo a strutture linguisiche innate ma poiché, desiderando comunicare, “corrispondono alle intenzioni comunicative (di coloro che cercano di capire) grazie allo stesso tipo di lettura delle intenzioni che facciamo tutti quando, per esempio, interpretiamo Puoi aprirmi quella porta? come una richiesta d’aiuto, e non di informazioni sulla nostra capacità di manovrare la porta.

C’è ancora molto da cercare e da capire perché “nel linguaggio infantile, oltre l’adesione alla norma grammaticale, vi è anche la creatività”. Ma che la grammatica universale sia in crisi è una buona notizia (con tutto il rispetto per i meriti scientifici e politici di Chomsky), poiché la teoria (platonica e cristiana) che nei bambini vi siano idee innate non è meno deleteria, per la comprensione di quel che rende unico l’animale umano, della teoria che essi siano tabulae rasae che resterebbero tali, se gli adulti non li istruissero e li educassero.

(Martedì 3 gennaio 2017. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

 

*

 

(Venerdì 23 dicembre 2016. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

 

*

 

Clicca qui per scaricare il testo in .pdf. O qui per scaricarlo in .doc

 

Appollaiate sulle cime più alte, le Arpie piombano sui Bambini, li ghermiscono, e ne fanno strame per i nidi dai quali spiccano il volo.

Odiano tutti i Bambini, ma specialmente quelli che vengono da altri paesi. Odiano vederli felici, ignari di essere stranieri, insieme a compagni ignari che lo siano. Perciò le Arpie li aggrediscono per primi, frullando le nere ali, e gracchiando stonate ne storpiano i nomi fino a farglieli dimenticare. Insinuando così, nelle menti degli altri, il sospetto che i compagni venuti da lontano abbiano nomi estranei, diversi dai nomi umani. Poiché le Arpie li vogliono divisi, i Bambini, affinché comincino a perdere la naturale socialità. E con essa l’umanità.

Furono donne, in un tempo remoto. Ma fecero incubi di non voler più esserlo, e un brutto giorno si destarono da un sonno agitato tramutate in uccellacci dalle maschere di sfingi. Fuggirono, allora, le nostre piazze assolate e festose. Si annidarono sui picchi, nel vuoto e nel gelo. E di là presero a scagliarsi sui Bambini poiché l’umanità, in essi, è più intatta che negli adulti, e dunque alle Arpie più ripugnante a vedersi, ma anche più tenera e indifesa.

Dividendoli, impediscono loro di reagire e difendersi collettivamente. È l’astuzia di ogni predatore, ma le Arpie, a differenza di quest’ultimo, odiano le prede senza aver di esse alcun bisogno: le divorano non con le fauci, non inghiottendole, non digerendole, ma delirando di averne pieni i ventri a mano a mano che li confondono, li stravolgono e ― se ci riescono ― li disumanizzano. A mano a mano che li rendono, mostruosamente, creature proprie.

Iniziano, dicevo, rendendone alcuni stranieri agli occhi degli altri. E continuano, poi, a uno a uno, individuandoli e isolandoli tutti. Privilegiandone qualcuno col non aggredirlo, perché egli si creda superiore e i compagni si sentano inferiori. Starnazzando come ossesse su questo e su quello per farlo sembrare strano, anomalo, antipatico. E picchiando i più soli con le ossute ali nere, pesanti come magli, ferendoli coi gialli becchi puntuti, calpestandoli con le figide zampe rugose.

Sui corpi dei Bambini non lasciano segni, lividi, piaghe? Sì, ne lasciano e come. Ma invisibili. E le madri e i padri, così, benché in vita loro abbiano creduto di tutto, non credono ai racconti dei figli, non credono che le Arpie li abbiano davvero attaccati, colpiti, lacerati, inghiottiti a metà senza lasciare segni, lividi, piaghe, sui piccoli corpi apparentemente integri.

Inganna i genitori, oltre che la credulità, l’ottundimento degli affetti e dei sensi che di essa è la causa. “Vedono” i figli allegri, contenti, perfino gioiosi, e non capiscono che lo sono, lontano dalle Arpie, come lo è negli intervalli tra un ascesso e l’altro chi è torturato dal dolor di denti: senza mai poter sperare, neanche per un attimo, che il dolore non torni. Che la nera tempesta starnazzante e gracchiante non si abbatta ancora sui loro piccoli corpi, da un momento all’altro, in un tempo che non sanno calcolare, e che perciò sentono sempre imminente.

E così accade perfino che vi siano donne e uomini del tutto “normali” ― che mai e poi mai alleverebbero ratti e piattole ― che recano cibo alle Arpie sottraendolo alle proprie magre risorse. Accade, perfino, che intere comunità si tassino ― pur non avendo quasi più mezzi neanche per procurarsi luce e acqua ― per nutrire le Arpie!

I Bambini paiono sani, malgrado non pochi siano già per metà divorati. Essi stessi, fidando nelle madri e nei padri, arrivano talvolta a credere che le Arpie siano buone, e cattivi siano loro. Finché, dopo anni, nei più fragili appariranno i primi sintomi di un disastro umano che si aggraverà per decenni. Sintomi di cui nessuno comprenderà la causa. Che nessuno collegherà agli attacchi di neri uccellacci appollaiati sulla cima più alta. Poiché nessuno ha l’amore e il coraggio, finché si è in tempo, di vederli e sentirli come li sentono e li vedono le Bambine e i Bambini ai quali nessuno crede.

Clicca qui per scaricare il testo in .pdf. O qui per scaricarlo in .doc

(Mercoledì 28 dicembre 2016. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

 

*

 

Straordinario scoop di ScuolAnticoli!!!

Tremenda notizia in esclusiva!!!

(Mercoledì 21 dicembre 2016. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

 

*

 

C’è chi si scompiscia dalle risa, in questi giorni, sui social, per le invettive di quanti protestano contro “il quarto presidente del Consiglio non eletto dal popolo”. Io no. Io non son capace di deridere le vittime dell’ingiustizia, e men che meno per la loro ignoranza.

Sì, larticolo 92 della Costituzione stabilisce che “il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i Ministri”: razionalmente è una verità incontrovertibile, e chi la ignora può, logicamente, essere definito un ignorante. Ma tale verità, per quanto vera sia, ha forse il potere di cancellare il fatto che da anni, in Italia e in quasi tutte le “democrazie” occidentali, la volontà del popolo sovrano, benché più volte chiaramente espressa, viene sistematicamente disattesa da governi che non rispondono che alle tirannie finanziarie che servono?

Chi ha davvero torto, chi è troppo incolto, o disperato, per dare un nome all’ingiustizia che subisce, o chi gliela infligge rispettando la forma della Costituzione ma corrodendone e distruggendone la sostanza?

Chi è più umano, chi esprime con urla scomposte il dolore che prova, o chi lucidamente e freddamente gli dimostra, ripetendo parole imparate a pappagallo, che non si è espresso correttamente?

Da che parte staremo, noi che siamo ancora capaci di sentire, con la giustizia che sentiamo nelle urla “sbagliate” delle vittime o col torto che sentiamo nelle “corrette” parole degli oppressori e dei loro sgherri?

Sì, è vero, le vittime dell’ingiustizia sono talora troppo incolte per darle un nome, ma chi perciò li deride è forse ancor più vile di chi gliela infligge.

(Mercoledì 14 dicembre 2016. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

 

*

 

Intendiamoci, che il neoministro della Pubblica Istruzione, Valeria Fedeli, voglia introdurre la teoria gender nella Scuola m’interessa meno di niente: finché la Costituzione sancisce la libertà d’insegnamento, io la eserciterò checche lei voglia o non voglia. Mi lascia allibito, invece, che non sia laureata, ma... in fondo non troppo: visto il livello intellettuale e culturale della nostra classe politica, è possibile che il suo diploma sia il massimo che potevamo aspettarci.
(Nell’immagine, l’imperatore romano Caligola cena col cavallo che nominò senatore).

(Mercoledì 14 dicembre 2016. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

 

*

 

Paolo Gentiloni? Come Renzi, peggio di Renzi

Clicca qui per scaricare il testo in .pdf. O qui per scaricarlo in .doc

 

Fra i precedenti di Paolo Gentiloni ― tutti rigorosamente destro-cattolici, al servizio delle tirannie finanziarie e contro i lavoratori ― il più adatto a fungere da epigrafe è il seguente: Il Colle ci richiama alle responsa bilità e noi dietro alla Cgil, che errore. Il Pd fa un altro mestiere e noi sbagliamo si ci arruoliamo dietro le bandiere della Cgil” (La Repubblica, 7 settembre 2011).

Discendente di quel Gentiloni che nel 1912 ebbe la sciagurata idea di promuovere il rientro dei cattolici nella vita politica del nostro Paese (che nel 1870 se n’era liberato prendendo a cannonate Porta Pia), su Wi kipedia si fa raccontare così: “Paolo Gentiloni discende dai conti Gentiloni Silveri, Nobili di Filottrano (AN), di Cingoli (MC) e di Macerata. Frequenta un istituto montessoriano e riceve un’educazione cattolica (fa anche da catechista assieme ad Agnese Moro). Al liceo Tasso, partecipa a un’occupazione nel novembre 1970. Fugge di casa per partecipare a una manifestazione a Milano. Entra quindi nel Movimento Studentesco di Mario Capanna, e dopo la sua confluenza in Democrazia Proletaria rimane nel Movimento Lavoratori per il Socialismo fino alla sua unificazione con il Partito di Unità Proletaria per il Comunismo.

Nella sinistra extraparlamentare incontra i suoi amici Ermete Realacci e Chicco Testa. Grazie a quest’ultimo ottiene nel 1984 la direzione de La Nuova Ecologia. Dal 1990 è giornalista professionista. Durante gli otto anni di direzione del mensile di Legambiente si lega a Francesco Rutelli, di cui nel 1993, all’elezione a sindaco di Roma, diventa portavoce e, in seguito, assessore al Giubileo e al Turismo.

Nel 2001 viene eletto deputato nelle liste di Democrazia è Libertà - La Margherita, di cui è uno dei fondatori. Nella XIV legislatura è membro della IX commissione (trasporti, poste e telecomunicazioni) e della commissione sui servizi radiotelevisivi. Dal 2005 al 2006 presiede la commissione di vigilanza Rai. Nel 2006 è nuovamente eletto alla Camera. Dal 2006 al 2008 è ministro delle Comunicazioni del governo Prodi II.

Rieletto deputato nella XVI legislatura, dal 2008 al 2013 è di nuovo membro della IX commissione (trasporti, poste e telecomunicazioni) e della commissione sui servizi radiotelevisivi.

Il 5 dicembre 2012 annuncia via Twitter la sua candidatura (sostenuto dai renzisti) alle primarie del centro sinistra come sindaco di Roma. Si classifica terzo, con una percentuale di consensi intorno al 15%, dopo David Sassoli (27%) e Ignazio Marino (55%).

Nel 2013 è nuovamente eletto deputato. Nella XVII legislatura ricopre gli incarichi di membro della III commissione (Affari esteri e comunitari), del Comitato permanente Africa e questioni globali, e di presidente della sezione Italia-Stati Uniti dell’unione interparlamentare.

Il 31 ottobre 2014 Matteo Renzi lo sceglie come ministro degli Esteri al posto di Federica Mogherini, nominata Alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza”.

Paolo Gentiloni, dunque, dopo aver tentato di occuparsi di ecologia (con esiti dei quali l’ambiente non sembra essersi avvantaggiato granché), dopo aver servito il sindaco Rutelli curando i suoi rapporti (e soprattutto i propri) col Vaticano, e dopo aver partecipato, fin dal 2001, allo smantellamento berlusco-veltroniano dell’identità della Rai ― dopo essere stato per anni, insomma, un modesto reggicoda ― a un certo punto spicca il volo. Come? Con chi? Con gli –oni come lui: alleandosi con Veltroni e Fioroni, cioè, e con i loro seguaci, nel fare del Pd un partito cattolico di destra ultra-liberista al servizio delle tirannie finanziarie.

Achille Serra, ex prefetto, eletto per il Pd in Toscana, è il primo a scoprire che Gentiloni... Clicca qui per continuare a leggere su ScuolAnticoli. O qui per scaricare il testo in .pdf. O qui per scaricarlo in .doc

(Domenica 11 dicembre 2016. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

 

*

 

(Giovedì 19 novembre 2015. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

 

*

 

(Lunedì 17 agosto 2015. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

 

*

 

E se dal giorno in cui veniamo al mondo, anno dopo anno, con una serie di riti si tentasse di confondere, in ognuno di noi, l’esperienza umana della vita?

Se con un primo rito si cercasse di mistificare, nei nostri genitori e un domani in noi, il significato umano delle nostre nascite?

Se più in là, con un secondo rito, si tentasse dingannarci sul rapporto umano convincendoci che esso è sacrificio disumano di sé e dell’altro?

Se quindi, con un terzo rito, si cercasse di confonderci sullumana ricerca di ognuno di noi sulla propria storia riducendola a un’interminabile sequela di ammissioni e cancellazioni di colpe?

Se in seguito, con un quarto rito, si tentasse di cancellare, in ognuno di noi, il senso del fondamentale momento del passaggio dall’infanzia all’adolescenza, e con esso il rapporto umano della donna con l’uomo e dell’uomo con la donna?

Se poi, con un quinto rito, si cercasse di devastare, in ognuno di noi, lumanità dell’amore, con le sue gioie e le sue sofferenze, raggelandola in un dogmatico dovere verso la divinità?

E se infine, con un sesto rito, si tentasse di falsificare il significato umano della morte spacciandola per una nascita? E alterando, così, il senso dell’intera vita?

Sarebbe mostruoso, vero?

Ebbene, dipende solo da noi che così non sia. Da ognuno di noi.

(Domenica 17 maggio 2015. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

 

*

 

(Venerdì 20 marzo 2015. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

 

Clicca qui per vedere tutti i post di gennaio 2017

Clicca qui per vedere tutti i post di dicembre 2016

Clicca qui per vedere tutti i post di novembre 2016

Clicca qui per vedere tutti i post di ottobre 2016

Clicca qui per vedere tutti i post di settembre 2016

Clicca qui per vedere tutti i post dal 2002 a oggi

 

 

640/1000, La Valle dell'Aniene all'alba. Anticoli Corrado e Roviano, 29 marzo 2011.

Le Mille più Belle immagini di ScuolAnticoli...

640/1000, La Valle dell’Aniene all’alba.

Anticoli Corrado e Roviano, 29 marzo 2011.

(Clicca sulla foto, per ingrandirla)   (Clicca qui per andare a vedere le prime 500)

(Clicca qui per andare a vedere le seconde 500)

Ecco, finalmente, l’imperdibile video del

Saggio di Musica e Danza

della Prima, Seconda e Terza Media del 1996-97 !!!

Ad Anticoli Corrado, in piazza Santa Vittoria, il 10 giugno 1997,

con la prof.sa Mariangela Albanese e... ScuolAnticoli!

Cliccando qui!

30 bellissime immagini della fontana di Arturo Martini ghiacciata sabato 7 gennaio 2017... cliccando qui!

30 bellissime immagini della fontana di Arturo Martini

ghiacciata. Piazza delle Ville, sabato 7 gennaio 2017...

cliccando qui!

Il video del bellissimo Concerto del Complesso Bandistico Santa Cecilia di Anticoli Corrado di lunedì 26 dicembre 2016

Il video del bellissimo Concerto del

Complesso Bandistico Santa Cecilia di Anticoli Corrado

di lunedì 26 dicembre 2016

cliccando qui!

 giovani artisti della Terza Media di Anticoli Corrado espongono le loro prime opere nella splendida cornice del Civico Museo d'Arte moderna e contemporanea

I giovani artisti della Terza Media di Anticoli Corrado

espongono le loro prime opere nella splendida cornice

del Civico Museo d’Arte moderna e contemporanea:

35 immagini, una più bella dell’altra, cliccando qui!

E c’è anche un video!

Clicca qui per vedere le immagini del film!

E sui link qui di seguito per leggere anche il testo!

Omaggio alla Modella Anticolana

Clicca qui per scaricare il testo in .pdf     Oppure qui per scaricarlo in .doc

Storia di un “magnifico diciannovenne”, Karl Marx,

della ragazza, Jenny, che lo amò e da lui fu amata,

e della “pura perla” che per un attimo, ma non

per sempre, egli “tenne alta alla luce del sole”

Karl, Jenny, Heinrich e la pura perla

oppure, direttamente in .pdf, cliccando qui

A Ian Tattersall, paleoantropologo, scrittore e curatore emerito

dell’American Museum of Natural History di New York,

va riconosciuto un merito: è stato il “primo”

― anche se qualche decennio dopo Massimo Fagioli ―

a parlare dell’essere umano come di un caso unico tra i viventi...

Clicca qui per continuare a leggere su ScuolAnticoli,

qui per scaricare il testo in .pdf o qui per scaricarlo in .doc

Il 22 gennaio 1891 nasce ad Ales, in Sardegna,

Antonio Gramsci (1891-1937).

Antonio Gramsci è su ScuolAnticoli in:

Una boccata d’aria pura

Antonio Gramsci sulla religione e sulla Chiesa cattolica

Antonio Gramsci sull’immaginazione e la fantasia (in .pdf)

Antonio Gramsci su Giordano Bruno (in .pdf)

Clicca qui per vedere il progetto e le immagini nei dettagli!

Clicca su questi link per il video della presentazione

Prima Parte - Seconda Parte - Terza Parte

girato da Carmine Toppi, con gli interventi del prof. Scialanca, degli architetti Misnoli e Saldaneri, e del pubblico in sala!

Acquistalo cliccando qui! (o all’Edicola di Anticoli Corrado)

400 pagine, una più interessante dell’altra, che costano solo

17 euro (16,64 su Amazon) e valgono... un po’ di più!

Disponibile anche per Kindle a 9,68 euro!

Leggi qualche pagina in .pdf cliccando qui!

E poi, se vuoi, acquistalo cliccando qui!

(o all’Edicola di Anticoli Corrado).

350 pagine, una più divertente (e più seria) dell’altra,

che costano solo 13,90 euro e valgono... un po’ di più!

Mai più errori di grammatica e di punteggiatura!!!

Un praticissimo manualetto, così piccolo che puoi piegarlo

e portarlo con te, a soli 5 euro e 20 centesimi! Cliccando qui!

Alla ricerca del tempo perduto...

Tutte le Classi della Scuola media di Anticoli dal 1982 in poi...

Tutte le Classi della Scuola media di Arsoli dal 1982 in poi...

Tutte le Classi della Scuola media di Riofreddo dal 1982 in poi...

Tutte le Classi della Scuola media di Roviano dal 1982 in poi...

E inoltre...

(Quasi) Tutte le Gite e i Viaggi della Scuola Media Statale Celestino Rosatelli di Arsoli (Roma) e delle sue sedi staccate di Anticoli Corrado, Camerata Nuova, Riofreddo e Roviano: dalle più antiche alle più recenti, dai primi anni '80 a oggi

(Quasi) Tutte le Gite e i Viaggi dal 1980 in poi...

dei ragazzi di ieri e di oggi di Anticoli, Arsoli, Camerata Nuova,

Riofreddo e Roviano: dalle più antiche alle più recenti,

dai primi anni ’80 a oggi.

ScuolAnticoli sulla Scuola

(per la Scuola vera, che è di tutti

contro la “scuola” “buona”, che è dei piddino-renzisti)

Perché noi Docenti non dovremmo eleggere i nostri rappresentanti nel comitato di valutazione

(Lunedì 16 novembre 2015)

La “buona” (da mangiare) Scuola renzista

(Venerdì 18 settembre 2015)

Chi è “il primo della classe”?...

(Sabato 12 settembre 2015)

Chi distrugge nei ragazzi la speranza nella Scuola?

(Lunedì 25 maggio 2015)

Un governo che aggredisce gli insegnanti davanti agli alunni non è diverso da...

(Lunedì 8 giugno 2015)

Perché blocchiamo gli scrutini?

(Giovedì 4 giugno 2015)

La “scuola” americana modello della “scuola” renzista: in 45

degli Stati Uniti la scrittura a mano è una materia facoltativa

(Sabato 30 maggio 2015)

La Scuola è un luogo di realizzazione nei rapporti umani...

(Mercoledì 13 maggio 2015)

La Scuola è sotto attacco in tutto il mondo...

(Domenica 12 aprile 2015)

Che cos’è la giustificazione delle assenze da Scuola?

Adempimento ed evasione dell’Obbligo Scolastico

La Fine della Rosatelli di Arsoli, simbolo della Distruzione

della Scuola degli Italiani e della nostra Memoria

Riconosci i falsi insegnanti

Il registro personale del docente - normativa

Hai dei dubbi su cosa sia lobbligo scolastico?

Clicca qui e ti saranno tolti.

Il Tour in progress di ScuolAnticoli nella Valle dell’Aniene prosegue con l'Antica Locanda Arcos di Anticoli Corrado - un luogo dove ogni finestra è un quadro: cento immagini, una più bella dell'altra, cliccando qui!

Il Tour in progress di ScuolAnticoli nella Valle dell’Aniene prosegue con...

lAntica Locanda Arcos ad Anticoli Corrado

...dove ogni finestra è un quadro

100 immagini, una più bella dell’altra, cliccando qui!

Spiegare un Film a un Bambino... cliccando qui.

Non trovi la pagina di ScuolAnticoli che cerchi? Clicca qui, vai alle "Pagine da non perdere" e la troverai!

Dopo otto anni, la pagina Inesistenza del cielo su Anticoli Corrado

si conclude avendo raggiunto il suo obiettivo fondamentale: la

più vasta documentazione mai raccolta sull’inesistenza del cielo.

La più vasta documentazione mai raccolta sull'inesistenza del cielo: L'Inesistenza del cielo su Anticoli Corrado.

Le bellissime pagine della Maestra Cristina:

per grandi e piccini.

Le bellissime pagine della Maestra Cristina: per grandi e piccini.

Le Pagine della Valle dell’Aniene, luogo tra i più belli del Lazio e d'Italia.

Le Pagine della Valle dellAniene, luogo tra i più belli del Lazio e d’Italia.

Le Pagine delle nostre Scuole, dei Ragazzi, delle Famiglie e degli Insegnanti: clicca qui per vederle tutte!

Le Pagine delle Scuole

dei Ragazzi, delle Famiglie e degli Insegnanti.

Vuoi tirarti sù?

Vedrai che

l’Inesistenza del Cielo su Anticoli ti farà bene.

Vuoi tirarti sù? Vedrai che l'inesistenza del Cielo su Anticoli Corrado ti farà bene!

Le bellissime Pagine dei nostri ottimi e cari Collaboratori e Amici.

Le Pagine dei nostri cari e ottimi Collaboratori e Amici.

Le Pagine di Anticoli Corrado: com'era, com'è e come (forse) sarà.

Le Pagine di Anticoli Corrado

com’era, com’è

e come (forse) sarà.

Vuoi leggere ma non hai tempo? In "Righe di Libri" il tempo per te lo mettiamo noi.

Vuoi leggere ma non hai tempo? In Righe di Libri te lo diamo noi.

La Valle a portata di click: Paesi e Meteo della Valle dell’Aniene.

Tutta la Valle dell'Aniene a portata di click: tutti i Paesi e tutti i Meteo della Valle dell'Aniene.

Una Bellissima Signora di 65 anni: la Costituzione della Repubblica Italiana.

Una Bellissima Signora di 65 anni: la Costituzione della Repubblica Italiana.

Lo Statuto dei Lavoratori, per conoscere tutti i tuoi Diritti di Lavoratore.

Lo Statuto dei Lavoratori, per conoscere i tuoi Diritti sul Lavoro.

Quando i Migranti eravamo Noi: una pagina per aiutarci a restare Umani.

Quando i Migranti eravamo Noi: una pagina per aiutarci a restare Umani.

La pagina della Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia.

Hai dei dubbi (come li abbiamo noi) sul fatto che in Italia i Diritti dei Minori di 18 anni siano davvero e sempre rispettati Consulta la Convenzione Internazionale sui Diritti dell'Infanzia e scopri quanti Diritti ignoravi di avere cliccando qui!

La Guerra incostituzionale italiana in Afghanistan.

La pagina della Guerra incostituzionale italiana in Afghanistan

Hai dei dubbi (come li abbiamo noi) sugli Psicologi a Scuola? Consulta la Carta dei Diritti del consumatore-utente di prestazioni psicologiche e tutti i nostri Materiali sull’argomento cliccando qui.

Psicologi a Scuola? Consulta la Carta dei Diritti e i nostri Materiali su questo argomento.

Non trovi la pagina che cercavi? Clicca qui, sulle PAGINE DA NON PERDERE, e vedrai che salterà fuori.

Non trovi una pagina? Pagine da non perdere, e salterà fuori.

La dichiarazione dei diritti degli animali

Hai dei dubbi (come noi) sul fatto che in Italia e nella Valle dell'Aniene i diritti degli animali siano rispettati? Leggi la Dichiarazione universale dei diritti degli animali.

Tutta i Paesi della Valle dell'Aniene e dintorni, per un raggio di 30 km. da Anticoli Corrado, a portata di click! E il Meteo di ogni paese per 5 giorni!

Tutti Paesi della Valle dell’Aniene e dintorni a portata di click.

Clicca qui per vedere la mappa Google della Valle dell’Aniene

La Valle dell’Aniene su Facebook

Affile

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Agosta

Passeggiata virtuale

Torneo di pesca

Siti Web e Facebook

Meteo

Anticoli Corrado

Passeggiata virtuale

ScuolAnticoli

Siti Web e Facebook

Pagina scolastica

Antica Locanda Arcos

Meteo

Arcinazzo

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Arsoli

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Pagina scolastica

Agriturismo Le Giare

Meteo

Ascrea

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Bellegra

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

La Grotta dell’Arco

Meteo

Camerata Nuova

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Camerata vecchia

Meteo

Campaegli

Passeggiata virtuale

(in preparazione per il 2017)

Siti Web e Facebook

Meteo

Canterano

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Capranica Prenestina.

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Carsoli

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Casape

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Castel Madama

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Castel di Tora

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Cerreto Laziale

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Cervara di Roma

Passeggiata virtuale

Ritorno a Cervara

Manuale del Recupero

Siti Web e Facebook

Meteo

Ciciliano

Passeggiata virtuale

Castello Theodoli

Villa Manni (Trebula)

Siti Web e Facebook

Meteo

Cineto Romano

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Civitella di Licenza

Passeggiata virtuale

Collalto Sabino

Passeggiata virtuale

Visita al Castello

Siti Web e Facebook

Meteo

Colle di Tora

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Filettino

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Gerano

Passeggiata virtuale

Casa delle Scatole

Siti Web e Facebook

Meteo

Guadagnolo

Passeggiata virtuale

Mentorella

Siti Web e Facebook

Meteo

Jenne

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Laghetto di san Benedetto

Passeggiata virtuale

Lagustelli

di Percile

Passeggiata virtuale

Percile

Licenza

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Livata

Passeggiata virtuale

(in preparazione per il 2017)

Siti Web e Facebook

Meteo

Madonna d. Pace

Passeggiata virtuale

Mandela

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Marano Equo

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Mentorella

Passeggiata virtuale

Monasteri di Subiaco

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Montorio in Valle

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Nespolo

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Olevano Romano

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Oricola

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Orvinio

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Paganico Sabino

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Percile

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Lagustelli

Meteo

Pereto

Passeggiata virtuale

Madonna dei Bisognosi

Siti Web e Facebook

Meteo

Pietraforte

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Pietrasecca

Passeggiata virtuale

La Grotta del Cervo

Siti Web e Facebook

Meteo

Pisoniano

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Poggio Cinolfo

(in preparazione per il 2017)

Poli

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Pozzaglia Sabina

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Ricetto

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Riofreddo

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Pagina scolastica

Meteo

Rocca Canterano

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Rocca di Botte

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Rocca di mezzo

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Roccagiovine

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Rocca S. Stefano

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Roiate

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Roviano

Passeggiata virtuale

Ponte Scutonico

Siti Web e Facebook

Pagina scolastica

Meteo

Sambuci

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

San Giovanni dell’Acqua

Passeggiata virtuale

San Gregorio

da Sassola

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

San Lorenzo

Passeggiata virtuale

San Polo

dei Cavalieri

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Santuario Madonna

dei Bisognosi

Passeggiata virtuale

San Vito Romano

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Saracinesco

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Subiaco

Passeggiate virtuali

Subiaco

La Crocetta

San Benedetto

Laghetto

Subiaco nel 1906

Siti Web e Facebook

Meteo

Tivoli

Passeggiata virtuale

(in preparazione per il 2017)

Siti Web e Facebook

Meteo

Trevi nel Lazio

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Trinità, Santuario

Passeggiata virtuale

Turania

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Turano, Lago del

Pagina dedicata

Vallepietra

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Vallinfreda

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Vicovaro

Passeggiata virtuale

Pratarelle,7 giugno 1944

Grotte di San Cosimato

Siti Web e Facebook

Meteo

Villa Romana

Passeggiata virtuale

Siti Web e Facebook

Meteo

Vivaro Romano

Passeggiata virtuale

SitiWeb e Facebook

Meteo

Altri siti

su left 3, dal 21 al 27 gennaio

su left 3, dal 21 al 27 gennaio

I quattro libri fondamentali della teoria di Massimo Fagioli. In migliaia di pagine, la scoperta della teoria della nascita che ha demolito le false idee di religione e ragione. - L'asino d'oro edizioni.

Weblog quotidiano di informazioni e segnalazioni dalla stampa e dai giornali on line, di Fulvio Iannaco.

"Spazi" - Associazione culturale "Amore e Psiche" - Supplemento di "Segnalazioni" sulle mostre, i concerti e le realizzazioni espressive di ogni genere dei collaboratori e dei lettori di "Segnalazioni".

La pubblicità su ScuolAnticoli è gratuita: non si acquista,

si basa sulla stima reciproca. Ma se non ti conosciamo,

come facciamo a stimarti? Clicca qui e scrivici!

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le 100 nazioni di provenienza delle 11.885 visualizzazioni di pagina effettuate su ScuolAnticoli nel dicembre 2016.

Le 100 nazioni di provenienza delle 11.885 visualizzazioni di pagina effettuate su ScuolAnticoli nel dicembre 2016: 5572 dall’Italia, 1160 dagli Stati Uniti, 787 dalla Russia, 408 dall’Ucraina, ecc.... (Servizio fornito da Aruba)

ScuolAnticoli non è una testata giornalistica o un periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità dei materiali. Pertanto non si può considerare un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7/3/2001: Clicca per continuare

ScuolAnticoli nacque nel 2003 dal lavoro, in orario extrascolastico, della Classe 2000-2003 della Scuola media di Anticoli Corrado, della signora Paola Scialanca e del professor Luigi Scialanca. Dall’agosto del 2006 è una Libera Scuola di Umanità diretta da Luigi Scialanca. Il contatore sottostante registra solo le visite alla homepage. Nel 2009 ScuolAnticoli ha avuto 89.853 visualizzazioni di pagina, nel 2010 125.454, nel 2011 150.974, nel 2012 137.123, nel 2013 150.110, nel 2014 160.679, nel 2015 163.144, nel 2016 130.944. Dal 1° gennaio 2017, 9008.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

L'immagine di sfondo di questa pagina, raffigurante piazza delle Ville ad Anticoli Corrado, è un dipinto dell'artista danese Viggo Rhode (1900-1976). L'ha segnalata a ScuolAnticoli il signor Peter Holck. Rielaborazione grafica di Luigi Scialanca.

ScuolAnticoli

La Terra vista da Anticoli Corrado

Libera Scuola di Umanità, senza fedi né credi,

ispirata alle scoperte di Massimo Fagioli

e alla Costituzione della Repubblica Italiana.

Diretta da Luigi Scialanca - Anticoli Corrado (Roma).

Aggiornata al 23-1-2017.

Buon martedì 24 gennaio a tutti!

Pensieri precedenti

Pensiero del Giorno n° 1.060

Non essere gelosi è meglio che esserlo, così come temere

di non amare tanto è meglio che esser certi di amare poco.

Pensiero del Giorno.

Non tutti i Gatti vengono per Nuocere: Clicca e Vedrai!

Clicca qui e scrivici!

...E torna spesso!

Clicca qui e scrivici!

 

 

 

 

L’immagine di sfondo di questa pagina, raffigurante piazza delle Ville ad Anticoli Corrado, è un dipinto dell’artista danese Viggo Rhode (1900-1976).

L’ha segnalata a ScuolAnticoli il signor Peter Holck. Rielaborazione grafica di Luigi Scialanca.

 

*

 

Torna in cima alla Pagina