ScuolAnticoli

Libera Scuola di Umanità diretta da Luigi Scialanca

 

Luigi Scialanca

 

Home     Tutti gli scritti del prof     La Terra vista da Anticoli Corrado     Pensieri     Luigi Scialanca su Facebook     Anticoli che Vorrei

 

24 settembre 2011: il Prof al lavoro per ScuolAnticoli tra Aielli e Collarmele.

24 settembre 2011: Luigi Scialanca al lavoro per ScuolAnticoli tra Aielli e Collarmele.

 

Luigi Scialanca, nato (per ora) a Dakar, a Roma, a Grottaferrata (Rm), a Santa Marinella (Rm), a Venezia e ad Anticoli Corrado (Rm),

laureato in Filosofia moderna e contemporanea, insegnante di Italiano, Storia, Educazione Civica e Geografia.

A Vicovaro nel 1984-85, a Roviano dal 1984 al 1990 e ad Anticoli Corrado dal 1990 a oggi.

 

*

 

Sono usciti tre libri...

Leggine qualche pagina in .pdf cliccando qui!

E poi, se vuoi, acquistalo cliccando qui!

(o all’Edicola di Anticoli Corrado).

350 pagine, una più divertente (e più seria) dell’altra,

che costano solo 13,90 euro e valgono... un po’ di più!

Acquistalo cliccando qui!

400 pagine, una più interessante dell’altra, che costano solo 17 euro (16,64 su Amazon) e valgono... un po’ di più!

Disponibile anche per Kindle a 9,68 euro!

Da trent’anni guardo, ascolto, sento la Terra da Anticoli Corrado, e da dieci pubblico le mie riflessioni su ScuolAnticoli. Questo libro contiene una scelta di 43 scritti, i più validi e attuali, interamente riveduti e corretti. Tra di essi, Arturo Martini ’cattivo’ ad Anticoli Corrado, sul periodo anticolano del grande scultore; Zitelle a Vallepietra, Modelle ad Anticoli Corrado - Immagini (opposte) della Donna nel Novecento della Valle dell’Aniene; La Morte e la Fanciulla - ipotesi sull’anoressia; Babilonia rivisitata e Il sacerdote e il ragazzino, su Francis Scott Fitzgerald; L’Istituto che quasi mi uccise, sulle cosiddette “scuole” confessionali; Che ti dice la Patria, quando la Donna non c’è?, su due celebri racconti di Ernest Hemingway; Si può ’dimenticare’ un bambino?, sugli infanticidi in auto e sulla perversa “teoria” del “può accadere a tutti”; Perché John Kennedy fu ucciso e Aldo Moro no e La Morte e Stephen King, su Stephen King; Faye e la scoperta del crimine contro l’Umanità nella (cosiddetta) ’filosofia’ di Heidegger; Lo scolaro che padre e madre odiavano, su un famoso racconto di Henry James e sulla Scuola; Nella nuova traduzione italiana di ’The Catcher in the Rye’ c’è qualcosa che non va; L’immaginazione di Tattersall, sulla ricerca di Ian Tattersall su quel che ci rende umani; L’assassinio del padre buono, base di ogni potere disumano, sull’Amleto di Shakespeare; e Karl, Jenny e la pura perla, sul giovane Marx e sulla ragazza che lo amò. Ognuno di questi scritti ha avuto centinaia (e alcuni migliaia) di visualizzazioni e di download su ScuolAnticoli. Ora li ho interamente riveduti e corretti, in qualche caso riscritti, e oso sperare che non pochi possano risultare interessanti e piacevoli a un pubblico perfino più vasto. Anche se non presumo, ovviamente, che grazie a essi sia la Terra, una buona volta, a guardare, ascoltare e sentire Anticoli Corrado.

Mai più errori di grammatica e di punteggiatura!!! Un praticissimo manualetto, così piccolo che puoi piegarlo e portarlo con te, a soli 5 euro e 20 centesimi!

Cliccando qui!

 

*

 

552/1000, Il professor Scialanca ritratto da Caterina sul suo banco di scuola. Anticoli Corrado, 23 maggio 2016.

Il professor Scialanca ritratto da Caterina sul suo banco di scuola. Anticoli Corrado, 23 maggio 2016.

 

*

 

8 giugno 2016, il bellissimo regalo della Classe 2013 - 2016.

 

*

 

Home

ScuolAnticoli - sito indipendente diretto da Luigi Scialanca.

Scrivi al Prof!

Clicca qui e scrivici!

La Terra vista da Anticoli Corrado dal 2006 a oggi

La Terra vista

da Anticoli Corrado

Tutti gli Scritti del Prof

Tutti gli Scritti del Prof

Pensiero del Giorno

Pensiero del Giorno.

Righe di Libri

Righe di Libri

Spiegare un Film a un Bambino

Spiegare un Film

a un Bambino

 

*

 

Gli Scritti (resi noti) più importanti del Prof, dal più recente al più remoto, in ordine cronologico inverso. Clicca sui titoli o sulle miniature, se sei proprio deciso a leggerli.

Gli Scritti (resi noti) più importanti del Prof, dal più recente al più remoto, in ordine cronologico inverso.

Tutti gli scritti dal 2002 a oggi, compresi i meno importanti, sono invece qui.

Clicca sui titoli o sulle miniature, se sei proprio deciso a leggerli...

2017

 

Perché ScuolAnticoli ha rimosso un’immagine?... - (mercoledì 1° marzo 2017)

Qualcuno forse ricorda che una decina di giorni fa ho pubblicato su ScuolAnticoli e su Facebook un fotomontaggio, di mia creazione, immaginando che fra dieci anni, nel 2027, l’autorevole rivista le Scienze dedichi un numero speciale a Massimo Fagioli, il grande, geniale psichiatra morto il 13 febbraio scorso, e che la sua copertina mi fosse giunta “dal futuro”. Quell’immagine ora non c’è più, come se non sia (o non sarà) mai esistita (ma non del tutto: la sua memoria sopravvive nel mio pc e, presumo, nell’archivio di uno studio legale) poiché un signore mi ha fatto scrivere da un avvocato per chiedermi di rimuoverla... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Richiedenti asilo, benvenuti ad Anticoli Corrado! - (lunedì 13 febbraio 2017)

La stragrande maggioranza delle Anticolane e degli Anticolani non si faranno intimidire: al contrario, e a dispetto di chi tenta di impaurirli, sono certo che saranno all’altezza dell’umanità e della civiltà che l’Amministrazione comunale, con questa proposta, ha dimostrato di riconoscere in tutti noi... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

La mente, il linguaggio e il tempo secondo Arrival - (domenica 5 febbraio 2017)

Arrival (2016), di Denis Villeneuve (con Amy Adams, Jeremy Renner e Forest Whitaker, dal racconto Storia della tua vita, di Ted Chiang) pone domande interessanti, offre risposte che non sono da meno, ed è bello e appassionante da vedere e... da sentire. Ecco (senza raccontarvi il film!) alcune riflessioni che mi ha suggerito...

Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Cosa accadrebbe se tutti gli orologi rallentassero (o accelerassero) insieme? - (mercoledì 1° febbraio 2017)

Cosa accadrebbe se gli orologi rallentassero o accelerassero? Voglio dire: se ciò accadesse non al mio orologio, o al tuo, o al suo ― cosa che avviene di continuo ― ma a tutti gli orologi assieme, e a tutti nell’identica misura? Non è possibile, direte voi. D’accordo, può darsi che non lo sia. Ma se accadesse... ce ne accorgeremmo?...

Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Donne che si credono tua madre. Furibonda - (lunedì 30 gennaio 2017)

Vi sono donne che si credono tua madre. Furibonda. Pazze? Non lo sai con certezza. E tu? Come stai? Forse, da quand’eri bambino, ti è rimasta dentro una fragilità: gli occhiacci, il muso di totale (e potenzialmente mortale) disamore, che ti faceva tua madre quando ti scoprivi e ti lasciavi scoprire in disaccordo con lei, riescono ancora a sconvolgerti...

Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Luigi Scialanca, astronauta - (sabato 21 gennaio 2017)

Da bambino e da ragazzino, per anni, sognai di fare l’astronauta. Ero così sicuro di non voler fare altro, che...

Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

La violenza della Natura - (giovedì 19 gennaio 2017)

Erra, o mente per ingannare, chi asserisce o ripete “a pappagallo che la violenza della Natura dimostra, o addirittura insegna, che non siamo niente... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

2016

 

Non il Cielo ma le Arpie guatano i Bambini da lassù... - (mercoledì 28 dicembre 2016)

Appollaiate sulle cime più alte, le Arpie piombano sui Bambini, li ghermiscono, e ne fanno strame per i nidi dai quali spiccano il volo. Odiano tutti i Bambini, ma specialmente quelli che vengono da altri paesi... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Dirigere la Sinistra - (mercoledì 9 novembre 2016)

Chi, da sinistra – e sottolineo da sinistra – aveva previsto la sconfitta di Hillary Clinton, prova oggi un senso di amara, cupa, insopportabile “soddisfazione”. E sottolineo: Amara. Cupa. Insopportabile. “Soddisfazione” per non aver sbagliato. Per aver sentito, visto, capito. Ma insopportabile, poiché sbagliare sarebbe stato così bello! Sarebbe stato bello, in America e ovunque, scoprire di avere una Sinistra vera... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Il mio percorso politico anticolano e quelli altrui - (lunedì 31 ottobre 2016)

 

*

 

La bambina che diceva troppi NO - (mercoledì 21 settembre 2016)

Un bellissimo mattino di primavera del 1990, una bambina di quasi tre anni, un padre di 39 e una madre di 35 si recarono in un ospedale pediatrico in riva al mare. Avevano prenotato una visita ortopedica poiché una maestra della Scuola dell’infanzia aveva detto loro: “La bambina cammina male”. Dopo una lunga attesa, durante la quale avevano cercato di giocare e chiacchierare con la figlia senza dar troppo disturbo, vennero introdotti nello studio del medico: un uomo né giovane né vecchio, né gentile né brusco, elegantissimo malgrado il camice, visibilmente ricolmo di sapienza ed esperienza, e circonfuso come un santo da un’aura di venerazione. Il quale, torreggiando sulla bambina, le chiese con severa bonomia di camminare un po’ avanti e indietro. “No” disse la bambina... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

La fine dell'Universo è imminente? - (lunedì 19 settembre 2016)

“Ora abbiamo imparato che l’intero [sic] Universo si regge su un equilibrio precario che si potrebbe rompere in un qualunque momento”. Lo dice Guido Tonelli, professore ordinario di Fisica generale presso il dipartimento di Ingegneria dell’informazione dell’Università di Pisa, in un articolo, La fine dell’Universo interroga la filosofia, apparso su la Lettura del Corriere della sera domenica 18 settembre. “Scienza” apocalittica, a uso e consumo del “baraccone” mediatico? O siamo di fronte a un fenomeno che non possiamo liquidare con una battuta? Che merita, anzi, tutta la nostra attenzione?... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

L'icosaedro e il virus - ovvero: splendore e miseria della matematica - (giovedì 25 agosto 2016)

“L’icosaedro! Uno dei solidi più ammirati dagli antichi Greci!... E dai virus, vedo!” esclama il matematico Marcus du Sautoy nel documentario Geometrie invisibili (supplemento del Corriere della sera di sabato 27 agosto 2016) constatando che anche il microrganismo ha venti facce. “La matematica è il codice dell’Universo” soggiunge. “Del quale, grazie a essa, realizziamo descrizioni che sono forse le migliori possibili”. Senza dubbio ha ragione. Ma è anche vero (sebbene non lo dica) che la matematica, da sola, pur illuminando nei minimi dettagli l’efficienza della Natura e fornendoci i mezzi per essere almeno altrettanto efficienti in tutto ciò che facciamo ― non distingue l’inorganico dall’organico. Né, tanto meno, il particolarissimo organico umano... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Omaggio alla Modella anticolana - (giovedì 25 agosto 2016)

Sinfonia fatale ― benché il titolo lo renda minaccioso fin dall’inizio ― è un film bellissimo, che consiglio a tutti gli Anticolani di vedere e perfino di rivedere. Non “solo” per i volti, gli scorci e i paesaggi del nostro paese qual era settant’anni fa, ma per i profondi significati, molto interessanti ancora oggi, che esso ci lascia intuire, e dei quali tra poco vi parlerò. E per la meravigliosa bellezza e la straordinaria bravura di Marina Berti, allora ventitreenne: una delle più grandi, ma purtroppo misconosciute, attrici italiane, la cui intensa interpretazione è la principale se non l’unica chiave per comprendere tali significati. Quel che spiace, infatti, in questo film, è proprio la caratterizzazione e la sorte del personaggio di Mirella... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Martedì 12 aprile 2016. Luigi Scialanca interviene nella campagna elettorale di Anticoli Corrado con il video...

Anticolane, Anticolani

(disponibile su YouTube cliccando qui)

nel quale, da cittadino, si rivolge alle tre forze politiche in lizza: Anticoli al Centro, Uniti per Anticoli, e il gruppo raccoltosi intorno a Francesco Putignani e Andrea Pietropaoli.

 

*

 

Karl, Jenny, Heinrich e la pura perla - (domenica 3 aprile 2016)

Storia di un “magnifico diciannovenne”,

della ragazza che lo amò e da lui fu amata, e della “pura perla” che per un attimo e per sempre egli “tenne alta alla luce del sole”.

A diciassettenne anni, nell’estate del 1835, Karl Marx consegue la licenza liceale presso il ginnasio Federico Guglielmo di Treviri con la valutazione media di abbastanza soddisfacente. Poteva far meglio? Certo. Ma legge e studia anche per suo conto, scrive poesie, s’innamora: alla scuola ha dedicato solo una parte del suo tempo. Ed è così sicuro di sé che non dubita di poter continuare a impegnarsi su entrambi i fronti: far contento il padre che ama moltissimo, e che insiste perché si concentri nella costruzione di un futuro professionale e sociale all’altezza delle sue qualità, e proseguire l’appassionante ricerca della “pura perla”... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Il Messaggio nella Bottiglia - (venerdì 25 marzo 2016)

Le domande che ponevo da bambino non sempre ottenevano risposta. Specialmente se non riuscivo a esprimerle come avrei voluto. E molto più rare erano le risposte alle domande che nemmeno io mi rendevo conto di pormi e di porre. Penso che sia così per molti bambini, lo sia sempre stato e lo sia ancora oggi. Un giorno, agli inizi degli anni ’60, quando “facevo” le medie, due universitari “fuori sede” entrarono in classe e ci invitarono a iscriverci a un Cineforum pomeridiano. Dissero che l’avevano organizzato con il consenso e l’aiuto del pensionato cattolico in cui risiedevano, e ci promisero film appassionanti e divertenti. Solo io accettai l’invito. E per alcune settimane non me ne pentii... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Clicca qui per vedere il progetto e le immagini nei dettagli!

Donne, uomini, ragazze, ragazzi, anziani, giovani, ed esponenti di tutte le componenti ideali e politiche di Anticoli Corrado: cerano TUTTI, sabato 19 marzo 2016, nella Sala parrocchiale (gentilmente offerta da Don Anacleto) a SENTIRE, con intensa partecipazione affettiva e intellettuale)

il progetto di riqualificazione e pedonalizzazione

di Piazza delle Ville

ideato da Luigi Scialanca, realizzato con rara competenza e passione dagli architetti Daniele Misnoli e Valentina Saldaneri,

e presentato col valido, imprescindibile aiuto di Carmine Toppi...

 

*

 

Il prete e il ragazzino - (giovedì 4 febbraio 2016)

C’era una volta... ― comincia così, come una fiaba, il racconto Assoluzione che Francis Scott Fitzgerald scrisse nel 1924 a ventotto anni: C’era una volta un prete dagli occhi freddi e umidi che, nel silenzio della notte, versava fredde lacrime. E c’era un ragazzino bellissimo e molto vivace, dell’età di undici anni, che un pomeriggio entrò nella sua stanza stregata... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Amanda Gefter, Due intrusi nel mondo di Einstein. Un padre, sua figlia, il significato del nulla e l’inizio di tutto - (domenica 31 gennaio 2016)

Cos’è l’Universo? Cos’è il nulla? L’Universo è emerso dal nulla? L’Universo è nulla? L’Universo è infinito, è sempre esistito e sempre esisterà? Vi è, in esso, qualcosa di invariante, cioè che non dipenda da chi l’osserva? O esso dipende del tutto da chi (e come) lo guarda, cioè da noi? Siamo noi i creatori dell’Universo?... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

La Mamma del Linguaggio - (giovedì 7 gennaio 2016)

Ignoro se qualcuno abbia già proposto, riguardo all’origine del linguaggio umano, l’idea che esso sia creato dalla donna entro la relazione affettiva col bambino, in particolare nel primo anno dopo la nascita. A me è stata irresistibilmente suggerita, pur senza mai accennarvi neanche alla lontana, da un pacato e scintillante “libretto” (si può essere pacati e scintillanti insieme? ― sì, quando si fa scienza e poesia allo stesso tempo, e il saggio scientifico, rigoroso, è anche un saggio di umanità e una lettera d’amore individuale e universale), Piccolo Puxi ― saggio sulla lingua di una madre, scritto da Leo Spitzer tra il 1922 e il 1926... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

2015

 

Fidati di chi s’innamora. Dubita di chi si sposa. - (mercoledì 16 dicembre 2015)

Sono passati quasi cinquant’anni dall’inizio dell’estate del 1967. Quando a Nizza, mentre i giovani di quasi tutto il mondo ricevevano in dono Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band e preparavano il ’68, una ragazza di venticinque anni che correva verso l’aereoporto rimase uccisa in un incidente. Si chiamava Françoise Dorleac, ed era la sorella maggiore di Catherine Deneuve... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Bambini gelosi? Balle! - (venerdì 10 dicembre 2015)

È un luogo comune: i bambini (quasi fossero cani, o gatti) sarebbero “gelosi” dei fratellini neonati. No. Se i genitori hanno con i figli un rapporto sano, la gioia, la tenerezza e la curiosità sono gli unici sentimenti dei fratelli e delle sorelle più grandi verso i “nuovi venuti”... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Lo Human Brain Project deve fallire - (domenica 6 dicembre 2015)

Un articolo molto interessante, su le Scienze di dicembre (Un progetto nei guai - Due anni di attività, e il programma da un miliardo di euro per simulare il cervello umano è allo sbando, di Stefan Theil) non coglie, tuttavia, a mio modesto avviso, il nocciolo della questione... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Perché noi Docenti non dovremmo eleggere i nostri rappresentanti nel comitato di valutazione - (lunedì 16 ottobre 2015)

Perché noi Docenti non dovremmo eleggere i nostri rappresentanti nel comitato di valutazione? 1. Eleggerli significa proclamare ufficialmente che tutti i Docenti devono essere valutati. Che tutti i Docenti, cioè, sono sospetti di inaffidabilità e di scarsa competenza. E che tutti i Docenti, pertanto, devono essere costantemente controllati. Lasciamo che sia il Governo a delegittimarci e sfiduciarci a priori davanti alle Famiglie e agli Alunni, non fiancheggiamolo contro noi stessi!... Clicca qui per continuare a leggere! Oppure vai alla pagina dedicata.

 

*

 

Quando in me non vi fu l’idea, consapevole o meno, di uccidere mia madre e mio padre - (sabato 14 novembre 2015)

A sedici anni m’innamorai di una ragazza (che chiamerò Valentina). E i miei ci dichiararono guerra. Forse perché misi di studiare? No. Avevo smesso già da un pezzo. Non sopportavo l’istituto religioso e solo maschile che mi avevano imposto (l’ho raccontato ne L’Istituto che quasi mi uccise) e lo “combattevo” così: “dimenticando”, non appena ne uscivo, tutto ciò che aveva a che fare con esso. Valentina mi sconvolgeva, è vero. Ma in un modo che mai e poi mai avrei voluto dimenticare, benché non capissi (né tanto meno mi domandassi) come mai soffrire in quella “scuola” mi fosse insopportabile e soffrire per lei mi fosse invece necessario come l’aria che respiravo... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Chi è “il primo della classe”?... - (sabato 12 settembre 2015)

Chi è “il primo della classe”? “Chi sta più attento e studia di più” dirà qualcuno. Ma sbaglierebbe. Stare attento e studiare è importante, certo. Ma non basta. Anzi: se lo si fa perché ci si costringe, si potrà forse “prendere” qualche bel voto, sì, ma non per questo ci si realizzerà di più. No: chi a Scuola si realizza (espressione che preferisco di gran lunga a “diventa uno dei primi della classe”) è chi rispetta... “La Scuola!” dirà qualcuno. “Gli insegnanti!” dirà un altro. “I compagni!” dirà un terzo. Ma sbaglierebbero. Rispettare gli insegnanti e i compagni è importante, certo. Ma non basta. Anzi: se lo si fa perché ci si costringe, si diventa “lecchini”, ipocriti e fasulli, e magari i “cocchetti” di certi insegnanti. Talvolta, orribilmente, per tutta la vita. No: chi a Scuola si realizza è chi... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Gabriella B. - (venerdì 31 luglio 2015)

Gabriella B. fu mia compagna di Scuola, per qualche mese, nel secondo anno di Liceo classico all’Istituto Francesco Vivona di Roma. Apparve e scomparve, come una stella cadente, e anche in quel tempo brevissimo si assentò molto spesso. Poi non la rividi mai più. O chissà, forse sì. A un certo punto mi chiese di aiutarla a studiare, a “mettersi in pari”. Perché proprio a me, che me la cavavo ma non ero certo il primo della classe (mi piacevano troppo le ragazze e le mie letture, per esserlo)? Non me lo disse, e io non glielo domandai. Forse. Per alcune settimane, dunque, andai a trovarla a casa... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

La Stella e il Compleanno - (lunedì 8 giugno 2015)

In questi mesi sto rileggendo e riordinando tutto ciò che ho scritto da quand’ero ragazzo a oggi: narrativa, saggistica, articoli... migliaia di pagine, separate talora da decenni e da infinite vicende. È un viaggio nel tempo, talvolta pieno di dolore, altre volte di gioiosa meraviglia: non tanto perché riaffiorino ricordi che non sapevo più di avere, quanto soprattutto perché rivivono, intensi, gli affetti, a tal punto che... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

La Maestra che il sindaco ammazzò - (lunedì 8 giugno 2015)

Tragicamente spesso, in molti Paesi, i fondamentalisti religiosi danno fuoco alle scuole e uccidono gli alunni e gli insegnanti. Lo fanno, proclamano, per impedire che le bambine e i bambini ricevano un’istruzione “occidentale”. Per impedire, cioè, che ricevano un’istruzione laica. Questi crimini mostruosi, e le loro mostruose “motivazioni”, ricordano non tanto alla lontana quel che accadde in Italia dopo il 15 luglio 1877 (centotrentotto anni fa, non millenni) quando la Sinistra, da poco al potere con il primo governo di Agostino Depretis, su proposta del ministro Michele Coppino varò l’istruzione elementare obbligatoria... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Chi distrugge nei ragazzi la speranza nella Scuola? - (lunedì 25 maggio 2015)

Le scuole di Baltimora tolgono la speranza è il titolo di un articolo di D. Watkins apparso in origine sulla rivista inglese Aeon e pubblicato in Italia su Internazionale dell’8 maggio 2015. Ve lo racconterò fra poco, ma prima vorrei parlarvi della situazione in un Paese, l’Italia, che da tempo si “ispira” agli Stati Uniti per conseguire il medesimo scopo che laggiù è stato ormai raggiunto: lo scempio della Scuola pubblica statale, cioè della Scuola di tutti i cittadini, e la trasformazione di quel che ne rimane in un ghetto per le figlie e i figli delle famiglie più disagiate.... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

"Perché Anthos ha scritto", di Luigi Scialanca

Perché Anthos ha scritto - (lunedì 27 aprile 2015)

Dalla postfazione: Perché Anthos ha scritto è un capitolo di un romanzo di circa 300 pagine, ambientato nell’Italia degli anni ’60, a cui mi dedicai, fra alterne vicende e lunghe interruzioni, tra il 1980 e il 1990; e che da un quarto di secolo, benché in me sempre vivo, giace in un cassetto. Nacque, dunque, dalla passione per la scrittura che mi allieta e mi tormenta da quando ero bambino. Ma lo ispirò l’amore, e il mio immenso rispetto, per Antonio Gramsci, ed ebbe dunque origine anche da un’altra passione, meno precoce ma non certo meno intensa: la passione per la politica. Nacque, insomma, da una duplice ricerca, che ha continuato a dar frutti nella mia vita fino a oggi e continuerà a farlo... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Fa più vittime la malapsichiatria della malasanità - (martedì 14 aprile 2015)

Si parla di malasanità, ma è sbagliato. Si dovrebbe dire malgoverno della Sanità, perché la maggioranza dei medici e degli infermieri, dotati di scienza ed esperienza e di tecnologie sicure, danno prova ogni giorno di straordinario impegno e di grandissima professionalità nonostante le pessime condizioni in cui gli infami governi degli ultimi vent’anni li hanno ridotti. Ben pochi, invece, parlano della malapsichiatria, che non solo esiste ma imperversa, cagionando forse più decessi, lesioni e invalidità permanenti (tra i pazienti malcurati, o non curati affatto, e tra le loro vittime) di quanti ne causi la cosiddetta “malasanità”... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

E se i viaggi nel tempo fossero già possibili?... - (domenica 5 aprile 2015)

Un viaggio nel tempo potrà considerarsi realmente avvenuto quando nel corso di esso si avrà un’esperienza sensoriale e affettiva indistinguibile da ogni altra. Se questa asserzione è corretta, la tecnologia per darmi la possibilità di vivere un’esperienza indistinguibile dall’originale di una bella mattina di maggio ― poniamo ― del 1967 a Villa Borghese (Roma), io penso che esista già o, tutt’al più, che sarà pienamente disponibile entro pochi anni...

Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Siamo liberi o no? - (giovedì 12 marzo 2015)

Ennesima “ripresa” (su le Scienze di marzo, pp 58-61) della millenaria discussione sull’esistenza o meno del “libero arbitrio”. Rinfocolata, negli ultimi anni, dai non pochi esperimenti neuroscientifici che hanno dimostrato che le nostre decisioni coscienti (cioè la nostra consapevolezza di decidere) sono precedute da attività cerebrali inconsce e sarebbero, perciò, “predeterminate”. Da qui a concludere che il “libero arbitrio” non esiste, poiché noi, mentre crediamo di decidere, staremmo in realtà “ubbidendo al nostro cervello”, il passo, per alcuni, è stato breve. Al punto che John-Dylan Haynes, del Bernstein Center for Computational Neuroscience di Berlino e capofila degli “anti-liberisti” (se così possiamo chiamarli) ha dichiarato al New Scientist: “Sembra che a prendere le decisioni sia il cervello prima della persona”. Confesso di non capire (o, meno modestamente, di capire forse più dell’egregio professor Haynes). Perché mai, mi chiedo, il fatto che i nostri comportamenti sono da noi decisi prima che ne diventiamo consapevoli dovrebbe indurci a pensare che non siamo liberi?... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Chi mi volle più bene, la maestra o la mamma? - (sabato 28 febbraio 2015)

A otto anni e mezzo dovetti cambiare scuola. La mia famiglia si trasferì da un lato all’altro di Roma e io, giovane com’ero, non potei che seguirla. Non ricordo se qualcuno mi domandò cosa ne pensassi: non è impossibile ― forse, anzi, ricevetti perfino qualche spiegazione ― ma di due cose sono certo: che non ero d’accordo, e che il mio dissenso di “terzultima ruota del carro” (le mie sorelle avendo, rispettivamente, sei anni e mezzo e due e mezzo) non influì in alcun modo sulla decisione ormai presa. Non fu per uno sfratto: la casa in cui abitavamo non era meno nostra di quella in cui traslocammo. Né meno confortevole. Non andammo, insomma (da un punto di vista civile e sociale) né a star meglio né a star peggio. Traslocammo, semplicemente, perché “dovevamo” seguire i genitori di mia madre. E sospetto che neanche mio padre dovette esserne felice, visto che ci allontanammo molto dai suoi e che il tragitto casa-ufficio e ritorno gli divenne dieci volte più lungo. Ma neppure la sua contrarietà (che egli, penso, si guardò bene dall’esplicitare) fu presa in considerazione. Io amavo la mia casa, e soprattutto la mia camera, dalle cui ampie vetrate al quarto piano avevo contemplato spettacoli meravigliosi, come la nevicata del ’56, o raccapriccianti, come quello della “donna” dei vicini sospesa nel vuoto ogni volta che le comandavano di pulire le finestre dall’esterno. Amavo così tanto quella camera, che ricordo ancor’oggi il sapore del suo intonaco accanto al mio letto... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

L’Immaginazione di Tattersall - (giovedì 1° gennaio 2015)

Un affascinante viaggio nell’unicità umana...

(Di che si tratta? Guarda le immagini-anticipazioni seguenti: 1. Perché Tattersall?... - 2. Tattersall finirà creazionista? - 3. La donna che scrisse a Darwin - 4. Comunione&liberazione contro Tattersall - 5. Immaginazione e linguaggio - 6. Gli scopiazzatori di Tattersall - 7. Tattersall a Roma nel 2012 - 8. E se la mente “vacilla”?...... E poi vai a leggere (o a scaricare) il testo cliccando qui!)

 

*

 

2014

 

La horror-immaginazione dei finti sinistri

La horror-immaginazione dei finti sinistri - (giovedì 6 novembre 2014)

Penso di aver fatto una piccola scoperta: il finto-sinistro si riconosce e si smaschera (anche, se occorre, in noi stessi) dall’orrore e dal catastrofismo che permeano la sua immaginazione. Che lo rendono del tutto incapace di agire positivamente. E con i quali tenta di ammorbare e terrorizzare le menti altrui. Non è il solo modo per individuare un finto-sinistro, ma è forse il più sicuro e tempestivo.... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Le esperienze dei nostri nonni hanno influito sui nostri geni?

Le esperienze dei nostri nonni hanno influito sui nostri geni? - (martedì 28 ottobre 2014)

Su Le Scienze di ottobre ho letto un interessante articolo di Michael K. Skinner, docente di biologia presso la Washington State University. L’articolo, intitolato Un nuovo tipo di eredità, inizia con queste parole: Molecole dannose, stress e altri fattori possono modificare permanentemente l’attivazione dei geni, senza cambiarne il codice. Sempre più studi mostrano che i cambiamenti “epigenetici” vengono trasmessi alle generazioni successive, e potrebbero causare patologie... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Solo i regimi scrivono sulle pareti delle Scuole

Solo i regimi scrivono sulle pareti delle Scuole - (lunedì 13 ottobre 2014)

Non mi meraviglia, purtroppo, con l’aria di regime che tira, che ci sia chi crede di poter scrivere le proprie “verità” sulle pareti delle Scuole. Non mi meraviglia, purtroppo, che ci sia chi crede di poter permetterlo e imporlo, e magari, addirittura, di poter vantarsene pubblicamente. E non mi meraviglia, purtroppo, che ci siano media ― di finta sinistra, è ovvio, poiché oggi è la finta sinistra, in Italia, che sta diventando regime in combutta con una parte della destra ― pronti a celebrare tali scempi... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

L'assassinio del padre buono, base di ogni potere disumano

L’assassinio del padre buono, base di ogni potere disumano - (giovedì 18 settembre 2014)

La Danimarca di Amleto si rivela fin dal primo istante un mondo capovolto: “Chi va là?” grida Bernardo, ufficiale della guardia, al soldato che è di sentinella, Francesco. Doveva accadere l’opposto, e Francesco, quindi, giustamente ribatte: “A te rispondere. Fermati e fatti riconoscere”. Poco dopo, infatti, è Francesco a dare l’altolà a Orazio e Marcello, benché ufficiali anch’essi, e il primo addirittura amico personale del principe Amleto. Cosa è accaduto? Perché, e come, a Elsinore la realtà si è rovesciata?... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

"Capi, capetti, caporali", di Luigi Scialanca. (Martedì 2 settembre 2014. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com)

Capi, capetti, "caporali" - (martedì 2 settembre 2014)

Cosa c’è che non va? I capi. In ogni impresa, in ogni attività, in ogni luogo, ovunque cerchiamo di realizzare qualcosa insieme, ecco che arrivano i capi. Chi sono? Sono quelli che nella vita non sono riusciti né a stare insieme né a far da soli. Perciò vengono a infastidire noi, a ostacolarci, ad addolorarci, a farci fallire. A far di tutto per sfasciare tutto. Non capi, no: “caporali”, nell’accezione che diede al termine il grande Totò. Un capo vero andrebbe scritto con la C maiuscola, perché è l’opposto del “caporale”... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

Il Credente e la sua Cura. (Giovedì 21 agosto 2014. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

Il Credente e la sua Cura - (giovedì 21 agosto 2014)

Chi è il credente, allo stato puro? È chi può essere convinto di qualcosa ― qualunque essa sia ― che non ha pensato da sé. Che non ha visto coi propri occhi. Anzi: che non ha sentito con tutto il corpo. Insomma: chi può essere convinto di ciò che non gli è successo... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

"Come eravamo" (Anticoli Corrado, giovedì 2 gennaio - giovedì 26 giugno 2014. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

Come eravamo - (giovedì 2 gennaio - giovedì 26 giugno 2014)

[...] Eppure una proprietà l’avevamo, e ci tenevamo immensamente: di cose inutili, ma amate. Per il niente che servivano e per la gioia che davano. Gioia di uno, legata alla sua storia e ai suoi affetti, e perciò riconosciuta da tutti come privata perché non valeva che per lui, ma che dava gioia anche a noi per la gioia sua. Un’opera d’arte, uno strumento musicale, un monile, una pietra o un legno dall’aspetto curioso, il ricordo di un bel momento, l’intonazione originale di un richiamo, un modo di guardare, un gesto caratteristico: ognuno aveva le sue private proprietà affettive di cui non avremmo mai sopportato di vederlo privo. E che cercava, per quanto possibile, di tenere con sé per tutta la vita. Perfino con le sue ossa nella tomba, se mai: così che tutti vedessero, anche nel più lontano futuro, che per sé e per noi egli non era stato un animale come gli altri: che era stato, finché era vissuto, unico nell’universo... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

"Nella nuova traduzione de 'Il giovane Holden' c'è qualcosa che non va..." (Venerdì 20 giugno 2014. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

Nella nuova traduzione di Holden qualcosa non va... - (venerdì 20 giugno 2014)

Comincio a leggere la “nuova” traduzione de Il giovane Holden e trasecolo. Sùbito, a pagina 6 del primo capitolo. Dove un brano famoso, di fondamentale importanza per la comprensione del romanzo, è tradotto... come peggio non si potrebbe? Be’... quanto meno affrettatamente, diciamo... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

La "letteratura" che ti riporta a Dio. A calci e spintoni. - "Non è un paese per vecchi", di Cormac McCarthy. (Domenica 1° giugno 2014. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

La “letteratura” che ti riporta a Dio. A calci e spintoni. - (domenica 1° giugno 2014)

Faccio male a non leggere Cormac McCarthy, pensavo. Chissà cosa mi perdo. Così ho letto Non è un paese per vecchi, e ho scoperto che mi “perdevo” una sfilza di “letterari” spintoni, calci e urlacci: “Cammina! Pentiti! Torna a Dio! In ginocchio!”... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

La Scuola di Anticoli muore: viva ScuolAnticoli! - (venerdì 16 maggio 2014)

Cancellata la Prima Media, la Scuola di Anticoli Corrado è ferita a morte. E il paese? Cosa diventano i paesi senza Scuola? Cosa diventano, ancora peggio, i paesi come Anticoli Corrado, in cui la Scuola muore assassinata dai governi degli ultimi vent’anni, sì, ma muore molto peggio di altre perché da anni è costretta a subire anche gli insulti e le aggressioni di una parte dei cittadini e dei politici locali?... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

La donna, per la quale il mondo non finisce

La donna, per la quale il mondo non finisce - (domenica 20 aprile 2014)

Chi ha visto La jetéè (1962), di Chris Marker, capirà meglio di altri. Ma anche chi non l’ha visto può immaginare che la fine del mondo non è possibile, non c’è mai stata, né mai ci sarà ― né per uno né per molti, né tanto meno per tutti ― se le donne non vengono distrutte. Non eliminate: distrutte. Non fisicamente: no, ben prima che un solo capello sia torto a un’unica donna, il mondo finisce ― e talora, per uno o per molti, è già finito ― quando le donne sono distrutte nelle menti degli uomini... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

"Fare ricerca culturale in un piccolo paese..." (venerdì 4 aprile 2014. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com). L'immagine riproduce il dipinto "A Boat and Red Buoy in Rough Sea" (1830), di Joseph Mallard William Turner (1775 - 1851).

Fare ricerca culturale in un piccolo paese... - (venerdì 4 aprile 2014)

“Fare ricerca culturale” (e non di rado, cerca oggi cerca domani, combattere una battaglia culturale) in un paese di mille abitanti ― se tenti di farla davvero, e se hai “armi” e “munizioni” con cui farla ― significa che ogni cosa che dici, insegni, scrivi (e perfino ogni tuo gesto, perfino il tuo modo di camminare, per esempio se un giorno sei un po’ stanco e fai, in salita, un po’ più fatica del solito) suscita negli altri mille ininterrotte reazioni che cambiano la tua vita momento per momento... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

"Una macchina più umana di noi?" (Mercoledì 2 aprile 2014. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

Una macchina più umana di noi? - (mercoledì 2 aprile 2014)

“A chi mette in guardia dalla sempre più forte concorrenza intellettuale delle macchine, c’è chi ribatte: «Basta che gli umani imparino a fare cose più sofisticate»” (Riccardo Staglianò, “Poveri ma connessi”, La Repubblica, 30 dicembre 2013, p. 37). Discorso colmo di disprezzo (o, meglio, di razzismo antiumano) nei confronti di chi, non avendo imparato (sic) le sofisticate cose che hanno appreso a fare gli Staglianò, potrebbe e dovrebbe essere rottamato e sostituito da macchine ben più degne di lui di considerazione e di rispetto. Sfugge, agli Staglianò, che non solo essi (gli Staglianò) ma tutti gli umani fanno già cose più sofisticate di quelle che qualsiasi macchina è ― o mai sarà ― in grado di fare. E che, pertanto, le macchine non fanno né faranno mai “concorrenza intellettuale” ad alcuno... Clicca qui per continuare a leggere!

 

*

 

C'è un complotto contro noi complottisti? (Lunedì 24 marzo 2014. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

C’è un complotto contro noi complottisti? - (lunedì 24 marzo 2014)

C’è un complotto contro di noi, poveri complottisti? Me lo domando perché, da alcuni anni, il complottismo è quasi il peggior “crimine” intellettuale di cui si possa essere accusati: ancor più grave è forse solo il cosiddetto populismo, e la propaganda della pedofilia viene solo quarta, dopo il “crimine” di libera manifestazione del pensiero senza essere plurilaureati con almeno cento pubblicazioni sull’argomento...

 

*

 

Quando discutevo di Massimo Fagioli con "l'Unità" e con Luigi Cancrini... (Mercoledì 19 febbraio 2014. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

Quando discutevo di Massimo Fagioli con l’Unità e con Luigi Cancrini... - (mercoledì 19 febbraio 2014)

Il 26 febbraio 1986, l’Unità, diretta allora da Emanuele Macaluso, pubblicò un articolo dello psichiatra Luigi Cancrini, Malati di potere, che sulla base delle accuse del produttore Leo Pescarolo allo psichiatra Massimo Fagioli e a Marco Bellocchio, regista del film Il diavolo in corpo, metteva sullo stesso piano il professor Fagioli e il signor Armando Verdiglione, “accusato, con tanto di perizia sui suoi assistiti, di aver utilizzato il suo ascendente terapeutico per far firmare impegni economici a favore della fondazione che porta il suo nome”. Ecco l’articolo di Cancrini, seguito dalla lettera che il giorno successivo inviai a l’Unità (che non la pubblicò) e dalla risposta che Cancrini mi fece privatamente pervenire circa un mese dopo...

 

*

 

-La grande bruttezza de “La grande bellezza”-, di Luigi Scialanca. Nell'immagine, Valeria Ciangottini nella sequenza conclusiva de "La dolce vita", di Federico Fellini (1960). (Mercoledì 16 gennaio 2014. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

La grande bruttezza de “La grande bellezza” - (mercoledì 16 gennaio 2014)

Ho visto uno dei film più brutti della mia vita: La grande bellezza...

 

*

 

2013

 

Perché è in aumento la violenza contro le donne? (Grace Kelly e Ray Milland in una scena di "Dial M for Murder" - "Delitto perfetto", 1954 - di Alfred Hitchcock). (Venerdì 20 settembre 2013. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

Perché è in aumento la violenza contro le donne? - (venerdì 20 settembre 2013)

Penso: le donne ― tutte, anche le peggiori, ché chi si è reso capace di colpire una donna non lo è più da tempo di distinguerle l’una dall’altra ― sono d’intralcio alla violenza semplicemente essendoci. Anzi: semplicemente esistendo. Non c’è situazione, ritengo, in cui la presenza femminile (o anche solo il sapere che al mondo vi sono donne) non rendano meno probabile il compimento di una violenza. Perfino nei casi in cui è una donna a indurre altri alla violenza o a commetterla...

 

*

 

In braccio fino a sei anni? Caravaggio dice sì! (Domenica 8 settembre 2013. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

In braccio fino a sei anni? Caravaggio dice di sì - (domenica 8 settembre 2013)

Uno degli effetti più devastanti dell’odio anti-umano fondamentalista-religioso, nonché fascista e nazista, per il quale saremmo tutti legni storti, è il capovolgimento del rapporto adulto-bambino. Che per i nemici e spregiatori dell’umanità, anziché di protezione, diventa di persecuzione...

 

*

 

"Lo Scolaro che Padre e Madre odiavano" (Lunedì 2 settembre 2013. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

Lo Scolaro che Padre e Madre odiavano - (lunedì 2 settembre 2013)

Lo ScolaroThe pupil, 1891, tradotto da Carlo Izzo nel 1946 e riedito da Bompiani nella raccolta La panchina della desolazione, e altri racconti ― è uno dei più bei racconti di Henry James. Narra di un giovane insegnante, Pemberton, cui la ricca famiglia Moreen offre il posto di precettore del figlio Morgan, che non va a scuola perché il padre è sempre in viaggio per affari e la famiglia non vuole dividersi. Pemberton sarà ospite dei Moreen, girerà l’Europa a loro spese, riceverà un ottimo stipendio e avrà un allievo che ― promette la madre ― “non potrete non amare... è un genio!” Il professore è incerto...

 

*

 

La mia "politica" a scuola. (Giovedì 29 agosto 2013. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

La mia “politica” a scuola - (giovedì 29 agosto 2013)

Il carcere dei bambini è la costrizione al già deciso. All’immutabile. Peggio: a esser loro stessi già decisi. E perciò a essere niente: copie di copie il cui solo “valore” è quello di servire da ubbidienti trastulli finché son carini e da ubbidiente forza-lavoro quando carini non sono più. La costrizione ― non necessariamente con le cattive: in genere, con un accorto dosaggio di “carota e bastone”, altrimenti detti “amore e timore” ― a uniformarsi a chi si uniformò prima di loro. Come se il mondo non fosse umano ― o non lo fossero loro ― i bambini prigionieri non possono toccare alcunché né inventarsi niente. Devono rassegnarsi. Ripetere i “destini” mentali dei genitori...

 

*

 

"C'è del marcio: c'è per caso un Amleto?" Ovvero: È sulla scena che (anche nei piccoli comuni) si può mettere a nudo la coscienza dei re. (Con tre esempi di soggetti che sulla pubblica piazza di un piccolo comune potrebbero essere rappresentati, se lo si facesse con adeguata passione, in modo da risultare sconvolgenti per alcuni e indimenticabili per tutti). (Mercoledì 21 agosto 2013. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

C’è del marcio: c’è per caso un Amleto? - (mercoledì 21 agosto 2013)

Il disumano non soffre perché è disumano ― se soffrisse per questo, sarebbe ancora umano ― ma perché viene pubblicamente smascherato come tale. Per il disumano, essere smascherato non è un’occasione di curarsi, di ritrovare la propria umanità: è un’offesa. Domanda: ci sarà ancora qualcuno oggi, in Italia, sulle pubbliche piazze di migliaia di piccoli comuni, che fa teatro come lo intende Amleto nell’Amleto di Shakespeare? O lo faranno tutti come l’intende, lo vuole e lo pretende Claudio fratricida e usurpatore?...

 

*

 

"Il voto di scambio nei piccoli comuni" - (Giovedì 8 agosto 2013. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com). (Nell'immagine: Anticoli Corrado, 1963, gli elettori al seggio)

Il voto di scambio nei piccoli comuni - (giovedì 8 agosto 2013)

“Il voto di scambio è un sistema criminale che uccide la democrazia al suo più importante livello, nel suo luogo più importante: nella libertà del seggio elettorale”. Lo ha scritto Roberto Saviano su La Repubblica del 24 luglio: il voto di scambio non è una ragazzata, è un crimine; non arreca alla democrazia danni limitati, la uccide; e uccidendola annienta la libertà. Ma cos’è il voto di scambio? Cosa riceve, in cambio, chi scambia il voto con qualcos’altro?...

 

*

 

Quando e come ho smesso di credere in Dio... (Sabato 3 agosto 2013. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

Quando e come ho smesso di credere in Dio - (sabato 3 agosto 2013)

In realtà non ci ho creduto mai. Tanto per cominciare, nessuno nasce credendo. E poi ebbi la fortuna che mia madre, religiosa per tutta la sua vita razionale (e dico vita razionale sperando e confidando che almeno in quella irrazionale sia toccata anche a lei, almeno una notte, la gioia di sentirsi umanamente libera da Dio), com’è come non è, un bel giorno fu protagonista...

 

*

 

La realtà è viva e lotta insieme a noi (Giovedì 1° agosto 2013. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

La realtà è viva e lotta insieme a noi - (giovedì 1° agosto 2013)

Il fisico Erwin Schrödinger”, scrive von Baeyer, “immaginò una scatola sigillata con dentro un gatto vivo, una fiala di veleno e un atomo radioattivo. Secondo la meccanica quantistica, l’atomo ha il 50% di probabilità di decadere (processo per cui nuclei atomici instabili o radioattivi trasmutano in nuclei di energia inferiore, n.d.r.) entro un’ora. Se l’atomo decade, un martello frantuma la fiala e libera il veleno, uccidendo il gatto. Altrimenti, il gatto vive...

 

*

 

Quei pazzi, pazzi, pazzi, pazzi Atei (a metà) di MicroMega... - (sabato 20 luglio 2013)

MicroMega dedica all’ateismo un numero intitolato ateo è bello! – almanacco di libero pensiero. Contento? Contentissimo: fra poco attacco coi complimenti. Ma prima facciamoci due risate con l’ateismo a metà (o a un terzo, o a un quartino) della maggior parte dei “contribuenti”...

 

*

 

Padri che a Scuola non vedi Mai... - (giovedì 18 luglio 2013)

Ciò che li distingue è l’affetto: i timidi soffrono di non venirci, e il loro dolore, ancorché inespresso, si trasmette ai figli come sentimento di una presenza sostanziale profonda, vitale, benefica. Gli stronzi, invece, sentono niente. Poiché niente sono per loro gli studi dei figli, comunque vadano e qualunque cosa avvenga...

 

*

 

Spinelli, Bergoglio, Achab (si parva licet...). (Mercoledì 10 luglio 2013. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

Spinelli, Bergoglio e Achab (si parva licet...) - (mercoledì 10 luglio 2013)

Barbara Spinelli ci ricasca: un anno e mezzo fa andava in sollucchero per Monti, oggi va in brodo di giuggiole per Bergoglio. Verrà anche per costui, com’è venuto per il primo, il giorno del ripudio? Come mai, signora Spinelli, a lei e a quelli come lei occorre tanto tempo per capire, almeno, ciò che un ateo vero ― uno che non abbia neanche la dea... Ragione ― sente fin dal primo giorno? È la razionalità, appunto, a confondervi i sentimenti? O l’apparente insensatezza è invece “solo” malafede?

 

*

 

Scopritori solo Curie, Einstein, Newton, Darwin, Tesla e pochi altri? O tutti?

Scopritori solo alcuni o tutti? - (mercoledì 3 luglio 2013)

Non è forse vero che nessuno può trattenersi dal “fare” (o almeno tentare) continue scoperte (scientifiche?) su ciò che gli accade, cioè sui processi mentali non razionali propri e altrui? Non è forse vero che siamo sempre alle prese con quel che in noi e negli altri, benché naturale e materiale, non è però immediatamente accessibile ai sensi? Con quel che in noi e negli altri non corrisponde all’apparenza? Con ciò che in noi e negli altri dobbiamo scoprire? E che a tali scoperte su noi stessi e sui nostri simili non arriviamo mai razionalmente, ma sempre per effetto di non razionali intuizioni?...

 

*

 

La Morte e Stephen King

La morte e Stephen King - (sabato 29 giugno 2013)

Perché Steff, la moglie del protagonista, deve morire? Di più: perché deve morire così tanto, così inderogabilmente, che la sua morte dev’essere annunciata fin dalle prime pagine? A costo, cioè, di annullare le potenzialità drammatiche che l’incertezza del lettore sulla sua sorte lascerebbe aperte? Deve morire perché il protagonista resti solo col figlioletto tanto amato? E perché possa poi incontrare Amanda, far l’amore con lei durante una pausa della mostruosa catastrofe che sta per travolgerli, e infine con Amanda e col figlio salvarsi e rifarsi una vita altrove, lontano da La nebbia? O c’è di più? O Steff deve morire perché Stephen King possa scrivere?...

 

*

 

E se balene e delfini fossero umani?

E se balene e delfini fossero umani? - (giovedì 20 giugno 2013)

Se non avessimo mani (né alcunché di simile, neanche una coda prensile o una proboscide) come potremmo “materializzare”

all’esterno ciò che le menti creano? E come faremmo, allora, a dimostrare di essere umani a eventuali alieni

che fossero in dubbio se cibarsi di noi o se cercare di entrare con noi in comunicazione e in rapporto?...

 

*

 

Venner e Heidegger: "essere sé stessi" per non essere umani.

Venner e Heidegger: “essere sé stessi” per non essere umani - (venerdì 23 maggio 2013

Suicida a Notre-Dame con una rivoltellata in bocca, Dominique Venner, 78 anni ― “saggista francese di estrema destra”, già “volontario in Algeria, militante dell’Oas e fondatore del Grece, un gruppo che ha elaborato la più compiuta ideologia dell’estremismo di destra” ― ha lasciato sul suo blog un ultimo messaggio contro l’Islam e contro la legalizzazione dei matrimoni gay. La sua tragica morte e le sue ultime parole suscitano orrore, disgusto, pietà. Ma descrivono perfettamente ― suscitando anche interesse, dunque, benché inorridito ― il rapporto indissolubile che lega la cosiddetta “filosofia” di Heidegger non “solo” al nazismo, ma a ogni ideologia di estrema destra...

 

*

 

Suggerimenti per non far star male i figli... Questo e non altro si deve ai figli: tutto ciò che loro si può dare, e tutto ciò che loro non si deve togliere. (Avvertenza. L’autore di queste righe non è uno psicologo, né uno psichiatra, né uno psicoterapeuta, né un (cosiddetto) psicoanalista. Non è un pedagogista. È un laureato in filosofia, uno studioso, un insegnante, un padre. Chi ne seguirà in tutto o in parte i suggerimenti, dunque, lo farà a proprio rischio e pericolo. Come, del resto, chi non li seguirà)

Suggerimenti per non far star male i figli - (sabato 18 maggio 2013)

Questo e non altro si deve ai figli: tutto ciò che loro si può dare, e tutto ciò che loro non si deve togliere. (Avvertenza. L’autore di queste righe non è uno psicologo, né uno psichiatra, né uno psicoterapeuta, né un (cosiddetto) psicoanalista. Non è un pedagogista. È un laureato in filosofia, uno studioso, un insegnante, un padre. Chi ne seguirà in tutto o in parte i suggerimenti, dunque, lo farà a proprio rischio e pericolo. Come, del resto, chi non li seguirà)...

 

 

*

 

La didascalia dice: "Rappresentazione monocromatica di un affresco policromo oggi molto sbiadito, realizzato circa 14.000 anni fa nella grotta di Font de Gaume, in Francia. Una femmina di renna si inchina davanti a un maschio che si sporge in avanti e le lecca delicatamente la testa". Commosso, mi domando: possibile che l'artista intendesse questo dipinto solo come la raffigurazione naturalistica di due renne in amore? No, non è possibile: la femmina si inchina al maschio, il maschio si inchina alla femmina, al gesto di lei risponde quello di lui ― dunque qui ci siamo noi, c'è l'umano, e soprattutto c'è quel che passa tra una donna e un uomo che si amano.

La sensazione dell'umano - (lunedì 22 aprile 2013)

La didascalia dice: Rappresentazione monocromatica di un affresco policromo oggi molto sbiadito, realizzato circa 14.000 anni fa nella grotta

di Font de Gaume, in Francia. Una femmina di renna si inchina davanti a un maschio che si sporge in avanti e le lecca delicatamente la testa.

Commosso, mi domando: possibile che l’artista intendesse questo dipinto solo come la raffigurazione naturalistica di due renne in amore?

No, non è possibile: la femmina si inchina al maschio, il maschio si inchina alla femmina, al gesto di lei risponde quello di lui

― dunque qui ci siamo noi, c’è l’umano, e soprattutto c’è quel che passa tra una donna e un uomo che si amano.

 

*

 

Un governo che non distingue fra destra e sinistra attacca l'identità e la salute mentale dei cittadini. (Lunedì 29 aprile 2013. Luigi Scialanca, scuolanticoli@katamail.com).

Il governo che vuol farci impazzire - (lunedì 29 aprile 2013)

I termini sinistra e destra, essendo di origine storica, possono cambiare significato e anche scomparire. Ma ciò che non cambierà mai

è l’esigenza di distinguerci da chi ci danneggia e ci fa star male, aiutarlo a ritrovare sé stesso e, se ciò risulta impossibile, isolarlo e metterlo

in condizione di non nuocere. Questo sono (o dovrebbero essere) la sinistra e la destra finché non avremo nuovi termini per designarle...

 

*

 

Scritti sulle elezioni del 24 e 25 febbraio 2013

Scritti sulle elezioni del 24 e 25 febbraio 2013

Il voto non è più un pranzo di gala... (commento al voto) (domenica 3 marzo 2013)

Perché ho deciso di votare Pd (e alla Regione Lazio per Giulio Pelonzi) (sabato 16 febbraio 2013).

 

*

 

2012

 

Bentornato a Scuola, vescovo. (martedì 20 novembre 2012)

Bentornato a Scuola, vescovo. (martedì 20 novembre 2012)

Un tempo, vescovo, la Scuola le avrebbe umilmente chiesto udienza, sarebbe caduta in ginocchio e le avrebbe rivolto supplichevoli parole.

Oggi invece è stato lei a chiedere, rispettosamente (no, non umilmente: l’umiltà è finita, nel nostro Paese, il giorno in cui certi suoi predecessori

dovettero rinunciare a pretenderla dai miei) di essere ricevuto a Scuola; e ad attendere, non meno rispettosamente,

che una democratica assemblea, il Collegio dei docenti, a maggioranza gliene desse facoltà...

 

*

 

"Faye, la scoperta del crimine contro l’Umanità nella 'filosofia' di Heidegger" (novembre 2012)

Faye, la scoperta del crimine contro l’Umanità nella “filosofia” di Heidegger (novembre 2012)

Nella vita leggiamo libri che ci cambiano. Libri, intendo, che non “solo” ci danno gioia, ravvivano i nostri affetti e suscitano in noi

nuove e più estese comprensioni, ma che ci rendono diversi spiegandoci cose che dobbiamo assolutamente capire, se vogliamo essere all’altezza

della nostra umanità. Il nazismo è tra queste: è una delle cose che più dobbiamo capire. Al punto che non possiamo capirlo neanche storicamente,

neanche alla lontana, se non ci rendiamo conto che dobbiamo capirlo per continuare a essere umani. Per restare umani...

 

*

 

"Tornare dalla Caccia" (a Sofia, a Carlotta, a Luca) (lunedì 8 ottobre 2012)

Tornare dalla Caccia (a Sofia, a Carlotta, a Luca) (lunedì 8 ottobre 2012)

Alle donne niente era proibito: molte, nel tempo, cacciarono con gli uomini e meglio di essi. Così come ci furono uomini che non vollero mai farlo.

Per lo più, tuttavia, solo gli uomini cacciavano, e tra loro solo quelli che avevano l’età e la salute per farlo. Ma che per cacciare si dovesse

esser forti come la Natura e anche di più, e più duri, più astuti di ogni altro vivente, questo non piaceva a nessuno.

 

*

 

"Soprattutto contro i Bambini, qui e ora, è il crimine contro l'Umanità" (settembre 2012)

Soprattutto contro i Bambini, qui e ora, è il crimine contro l’Umanità (settembre 2012)

Assalto all’Infanzia è il titolo perfetto di un libro impressionante. Come le corporation stanno trasformando i nostri figli in consumatori sfrenati,

invece, è un sottotitolo fuorviante, perché dà l’impressione che gli aggressori dell’Infanzia siano le industrie produttrici di beni di consumo.

Non è così, e Bakan non lo sostiene. Anzi: leggendolo, ci si rende conto che la trasformazione dei bambini in consumatori sfrenati è l’ultima

delle sue preoccupazioni. Chi sono, allora, i veri nemici dei nostri figli? Industrie, aziende e agenzie ideologiche che prendono di mira le loro menti.

E le nostre, poiché gli aggressori sanno che quanto più disarmano mentalmente noi, tanto meno i bambini saranno difesi...

 

 

*

 

"Cenerentola ad Anticoli" (lunedì 30 luglio 2012)

Cenerentola ad Anticoli (lunedì 30 luglio 2012)

Certe sere le volevano così bene che la chiamavano per nome. “Cenerentola!” urlava uno, e quando lei rizzava le orecchie come un cane

ridevano tutti. Pochi momenti le erano così dolci. “Cenerentola! Muovi il culo!” tuonava un altro dandole una gran pacca col tagliere.

Volevano la bottiglia con la lucertola dentro: segno che la cena gli era piaciuta, che niente gli era andato di traverso.

Cose che la rendevano felice, e la più bella era sentir suonare forte il proprio nome, mai imparato perché lo udiva troppo di rado.

Quanto l’amavano! Le riscaldava il cuore, le dava i brividi, le faceva venire la pelle d’oca! Ubbidiva di corsa, trafelata,

muovendo il culo più che poteva perché continuassero a ridere, e i Briganti ridevano ancora di più...

 

*

 

"Anticoli Corrado è ancora un Paese per Bambini?" (martedì 26 giugno 2012)

Anticoli Corrado è ancora un Paese per Bambini? (martedì 26 giugno 2012)

Si può aggredire una Scuola? No. A un oggetto, un edificio, non si può far del male. E nemmeno si può aggredire la Scuola in quanto istituzione;

poiché anch’essa è una cosa, benché gigantesca e parzialmente immateriale, e non un Essere umano. Solo gli Esseri umani possono essere

aggrediti. I cosiddetti “atti di vandalismo”, dunque, sono atti contro Esseri umani. E gli atti che passano per “aggressioni alla Scuola”

(dai “tagli” dei governi neoliberisti all’attentato di Brindisi: atti di natura e gravità ben diversa, è ovvio, ma tutti ostili e tutti mirati)

sono e vogliono essere, consapevolmente o meno, atti contro i Bambini e i Ragazzi. Per i quali la Scuola (oggettivamente,checché ne dicano

e ne pensino) è parte essenziale e determinante della Vita per tutta l’infanzia e l’adolescenza. Non la Scuola ma i Bambini e i Ragazzi

di Anticoli Corrado, quindi, sono stati colpiti dai tre attacchi “alla Scuola”, diversi ma complementari, sferrati da “circoli”

interni o vicini alle Amministrazioni anticolane, opposte solo in parte, succedutesi tra il 2001 e il 2012...

 

*

 

"Preti che si portano via i Bambini... da Scuola" (sabato 9 giugno 2012)

Preti che si portano via i Bambini... da Scuola (sabato 9 giugno 2012)

In attesa che, aggravandosi la crisi economica, ai moderni caporali legalizzati venga in mente di estorcere ai Genitori i giorni di Scuola dei Figli

per sfruttarli nei campi o nelle fabbriche, ci sono individui che in quanto preti, cioè dipendenti della multinazionale privata detta Chiesa cattolica,

ingiungono e ottengono dalle Famiglie di portarsi via i Bambini da Scuola per giorni e giorni per impegnarli in attività note agli addetti ai lavori

come ritiri spirituali, preparazioni alla cresima o alla comunione, ecc. E ci sono Dirigenti e Insegnanti che non solo non censurano queste pesanti

interferenze (per non dire aggressioni) contro le Attività scolastiche, ma se ne fanno solerti propagandisti e zelanti coadiutori...

 

*

 

"Quanta distruzione nei Viaggi d'istruzione..." (martedì 1° maggio 2012)

Quanta distruzione nei Viaggi d’istruzione... (martedì 1° maggio 2012)

...Quel che accade è “solo” che ottanta ragazzi ― dinanzi agli insegnanti, anzi: dietro di loro che non è che se n’infischino, è che più sottilmente non li sentono proprio ― confermano a chiunque incontrano, e quel ch’è peggio a sé stessi, il duro, anaffettivo pregiudizio che in tutta Italia li condanna come teppistelli insensibili, branco, torma irresponsabile e incontrollabile contro la quale... le maniere forti ci vorrebbero, altro che! E invece no: i ragazzi non si comporterebbero così, se gli insegnanti e i presidi si comportassero diversamente con loro. La “colpa” non è dei ragazzi: sono gli insegnanti e i presidi che li fanno essere così...

 

*

 

Mario Monti: tecnico o cannibale?

“tecnici” e sterminatori (sabato 24 marzo 2012)

Strage in Norvegia, a Utoya. Strage in Italia, a Firenze. Strage in Francia, a Tolosa. Terroristi? No, perché non ce l’hanno “solo” con i loro “nemici”: odiano l’Umanità tutta. Terrorismo? No. Tentativi di innescare una pazzia di massa. E, da essa, uno sterminio di massa. Domande: Perché in Europa si torna a volere, a tentare, a incitare, ad approvare lo sterminio? Resterà “individuale” (ammesso e non concesso che i Breivik, i Casseri, i Merah non siano l’espressione dei fanatismi già collettivi che da decenni allevano e addestrano individui come loro)? O ancora una volta dobbiamo prepararci ad affrontare e sconfiggere, costi quel che costi, l’odio di massa contro l’Umanità che ancora una volta si accinge a devastare il mondo?...

 

*

 

Don Chisciotte Eco a difesa della Realtà

Don Chisciotte Eco a difesa della Realtà (domenica 18 marzo 2012)

Anche Eco parte come Don Chisciotte, lancia in resta, in difesa del realismo (o di quel che crede realismo); anche Eco infligge al postmodernismo

e al pensiero debole di Vattimo colpi apparentemente risolutivi; e anche Eco, alla fine (a quella che lui crede la fine)

lascia il campo beatamente ignaro che il vero vincitore è l’avversario. E pensare che l’incipit dell’articolo

― come si conviene a un cavaliere senza macchia né paura ― per sicumera suona perfino insolente...

 

*

 

L'incipit dell'articolo del professor Shea su "Le Scienze" del marzo 2012.

Umani fin dal primo... millennio (lunedì 5 marzo 2012)

L’Homo Sapiens, inteso come specie, è stato umano fin dalla nascita in Africa né più né meno di quanto lo è oggi?

O lo è diventato, a poco a poco, nei 200.000 anni (circa) da allora trascorsi?...

 

*

 

La Concordia ha bisogno di Eroi?

La Concordia ha bisogno di Eroi? (domenica 15 gennaio 2012)

C’erano trenta persone ad ascoltarmi, venerdì 6 maggio 2011, mentre parlavo di Lord Jim, di naufragi e di disastri.

La Politica ha bisogno di Eroi? ci domandammo, con l’aiuto di Joseph Conrad e di Rebecca Solnit, autrice del libro Un Paradiso all’Inferno;

e se in un’emergenza si possa contare di più (in politica come in navigazione) sulla nave e su chi la comanda o su di Noi e sugli Altri.

Sabato 14 gennaio 2012 c’erano più di quattromila persone invece, fra Uomini, Donne, Bambini, sulla Concordia naufragata all’Isola del Giglio,

ma la maggior parte di loro e degli Italiani (se non in queste ore, nei prossimi giorni) riflettendo sulla tragedia si porranno la stessa domanda

che ci ponemmo noi ad Anticoli Corrado otto mesi fa: nelle emergenze, nelle crisi, su chi si può davvero contare?

 

*

 

"Vittime laiche degli Anni dei sacrifici Umani" (dedicato ad Alessandro Placidi) (gennaio 2012)

Vittime laiche degli Anni dei sacrifici Umani (dedicato ad Alessandro Placidi) (gennaio 2012)

Si vorrebbe chiamarli belve, i terroristi. Ma le belve non hanno Dei. E non avendone, non sacrificano agli Dei i propri simili. Per darsi un Dio

occorre un’immaginazione che gli animali non umani, per quel che ne sappiamo, non hanno ancora evoluto. E senza Dei, a chi sacrificarsi

l’un l’altro? Gli Dei, non esistendo, non chiedono sacrifici. Eppure ogni Dio ne ottiene: chi si fa creatore di Dei, immaginandoli infinitamente

superiori a sé, non può testimoniare la sua infinita inferiorità a essi se non con il proprio e l’altrui sacrificio. Se non disprezzando e odiando,

e umiliando, e talvolta uccidendo, sui loro altari, ciò che vi è di più prezioso sulla Terra: gli Esseri Umani...

 

*

 

2011

 

Giù le mani dai nostri Figli!

Giù le mani dai nostri Figli (lunedì 26 dicembre 2011)

Dopo gli Stati Uniti, l’Irlanda, la Germania, Malta (e miriadi di segnalazioni da ogni parte del mondo) anche in Olanda la Commissione d’inchiesta indipendente guidata dall’ex ministro Wim Deetman ha concluso i lavori annunciando che nei Paesi Bassi, negli ultimi 65 anni, decine di migliaia di bambini e ragazzi hanno subìto abusi sessuali da sacerdoti e laici all’interno di istituzioni cattoliche. Gli autori degli abusi, compiuti tra il 1945 e il 2010, sono stati 800, dei quali 150 viventi. La Commissione ha anche accertato che gli abusi sono stati sistematicamente coperti dalla Chiesa cattolica, accusata ora di “inadeguati controlli e inadeguate azioni” (La Repubblica, sabato 17 dicembre 2011). E in Italia?...

 

*

 

 

Seminarono vento, raccolsero tempesta - la crepa della finta sinistra nell'antirazzismo della Sinistra. (mercoledì 14 dicembre 2011)

Seminarono vento, raccolsero tempesta - la crepa della finta sinistra nell’antirazzismo della Sinistra. (mercoledì 14 dicembre 2011)

Che dice Piero Fassino (ex segretario del Pd, oggi sindaco di Torino) dell’incendio appiccato da squadracce razziste al Campo Nomadi della Continassa? Molte cose. Troppe, anzi ― bastava che si scusasse, con gli Italiani rimasti umani, per aver inseguito (e “sdoganato”) per anni l’odio leghista e fascista contro i Migranti e i Rom ― ma abbastanza interessanti, nella malcelata ostinazione nell’insensatezza che le contraddistingue...

 

*

 

Perché John Kennedy fu ucciso e Aldo Moro no?

Perché John Kennedy fu ucciso e Aldo Moro no? (domenica 11 dicembre 2011)

Ho scritto su Facebook: “Sono a pag. 489 di 22/11/’63, di Stephen King. Non so cosa ne penserò quando sarò arrivato a pag. 768,

ma le ultime trenta mi son sembrate una delle più grandi lezioni di Storia (e di Letteratura) della mia vita. In parte anche perché

il TG delle 20 del 22 novembre 1963 (avevo dodici anni e mezzo, allora) lo ricordo come se lo avessi subìto stasera”. Ma l’ho scritto davvero?

Chi andrà a controllare scoprirà che in questo articolo ho reso quel post più elegante... C’entra con l’idea fantascientifica di viaggiare nel tempo

per cambiare il passato? Ora che sono arrivato a pag. 768, l’emozione di una settimana fa si è un po’ sbiadita. Come mai?

Spiegarlo non è facile, anche perché non posso rivelarvi (cioè rischiare di prestabilire) come il romanzo andrà a finire per voi...

 

*

 

"La setta del massacro" (lunedì 3 ottobre 2011)

La setta del massacro (lunedì 3 ottobre 2011)

Come ogni dio, il dio del massacro non esiste. Ma come ogni dio, anche l’inesistente dio del massacro ha la sua setta di creatori, manutentori,

sfruttatori, adoratori e missionari più o meno fondamentalisti. Per la maggior parte sedicenti “laici”. Molti sedicenti “atei”.

Ma tutti riconoscibilmente religiosi per la lugubre, meccanica ostinazione con cui ripetono la monotona litania dell’indegnità umana...

 

*

 

"Le convinzioni contano. Più di ogni altra, quelle sulla natura umana" (settembre 2011)

Le convinzioni contano. Più di ogni altra, quelle sulla natura umana (settembre 2011)

Se non avessi letto Un Paradiso all’Inferno, mai ― forse ― mi sarei reso conto di aver in mente un’indistinzione irrisolta che in un’emergenza

avrebbe potuto colpirmi a morte: un’indistinzione, niente meno, tra i miei simili riuniti contro (gli altri e sé stessi) e i miei simili riuniti per aiutare e salvare! Un’indistinzione così insopportabile, benché inavvertita, che questo libro è stato fin dall’inizio un immenso sollievo...

 

*

 

"Attenti, Bambini: Marzano attacks!" (sabato 17 settembre 2011)

Attenti, Bambini: Marzano attacks! (sabato 17 settembre 2011)

Mi permetto di scrivere che Michela Marzano, se su La Repubblica si fosse assunta l’incarico a tempo indeterminato di dare addosso ai Bambini,

farebbe un brutto mestiere. Non perché pretenda di prescriverle un’inesistente perfezione giornalistica o filosofica

(ognuno, e quindi anche la signora Marzano, è libero di tendere alla perfezione come gli pare e piace),

ma perché io e tutti quanti siamo nondimeno liberi di dire che quel che un altro fa non ci piace,

ci sembra imperfetto, e possiamo (dobbiamo) dirglielo anche se non possiamo né vogliamo indicargli come potrebbe far meglio...

 

*

 

"Ma Lodoli 'ci fa' o 'c’è'?" (giovedì 1° settembre 2011)

Ma Lodoli “ci fa” o “c’è”? (giovedì 1° settembre 2011)

Tre anni e due mesi fa, mercoledì 2 luglio 2008, leggemmo su La Repubblica questo “illuminato” parere: La proposta del ministro Gelmini

di tornare al grembiule nelle scuole mi sembra una scelta sensata che permette di cancellare vanità e differenze economiche.

E di chi erano le auree parolette? Di Marco Lodoli, scrittore, giornalista e, su questioni scolastiche, opinionista fisso del quotidiano romano.

Fu quel dì, o Marco Lodoli, che cominciammo a domandarci se tu, come si dice a Roma, “ci facessi o ci fossi...

 

*

 

"Cercando la grotta dove immaginazione e realtà si fondono..." (omaggio a Marco Occhigrossi) (agosto 2011)

Cercando la grotta dove immaginazione e realtà si fondono... (omaggio a Marco Occhigrossi) (agosto 2011)

Sono i ragazzi, i nipoti, maschi e femmine, che il nonno – sempre presente ma quasi sempre senza fiatare, come un nume – guida per i monti

alla ricerca del Tassobarbasso. E come lui è questo libro: che racconta l’impresa, per incredibile che sembri, anch’esso senza parlare.

Non perché Marco Occhigrossi non abbia cose da dire, ne ha e come – è un saggio, oltre che artista e scrittore –

ma perché, da nume, le parole le trae, le ottiene dagli altri e da ogni cosa...

 

*

 

"Si può 'dimenticare' un Bambino?" (giovedì 28 luglio 2011)

Si può “dimenticare” un Bambino? (giovedì 28 luglio 2011)

Elena, di un anno e mezzo, “dimenticata” in macchina dal padre in un parcheggio assolato, muore il 21 maggio 2011 dopo tre giorni di agonia.

Dimenticata? Sùbito sentiamo che le cose non stanno così, non è vero, un Bambino non lo si può dimenticare. Ma allora perché

continuiamo a scrivere e a dire che Elena è stata “dimenticata” dal padre? C’è dunque un “dimenticare” che è dimenticare a morte?

Sentiamo che il padre non ha “dimenticato” la figlia, ma lo diciamo e lo scriviamo lo stesso perché, per dire quel che sentiamo,

ci manca la parola vera, esatta. Non perché tale parola non esista ― esiste da quarant’anni almeno ― ma perché...

Già, questo è il punto: se la parola vera, esatta, non è “dimenticare”, e se essa tuttavia esiste da quarant’anni almeno, perché ci manca?...

 

*

 

 

"Antigone ad Anticoli" (giovedì 26 maggio 2011)

Antigone ad Anticoli (giovedì 26 maggio 2011)

Antigone ed Emone non morranno ad Anticoli. Avranno un’altra occasione, la giovane Donna che crede nell’Umanità

più che nella “legge” dei padri e padroni, e il giovane Uomo “che di lei è succube”...

 

*

 

"Vent'anni con i Figli degli Anticolani: grazie!" (lunedì 23 maggio 2011)

Vent’anni con i Figli degli Anticolani: grazie! (lunedì 23 maggio 2011)

Fra pochi giorni si concluderà, con il mio sessantesimo anno, il ventesimo d’insegnamento nella Scuola Media di Anticoli Corrado:

un terzo esatto della mia vita trascorso con le Figlie e i Figli degli Anticolani e di quanti sono stati Anticolani per qualche anno.

Che vorrei ringraziare tutti, qui, per questo lungo tempo così bello, così piacevole, e per me così importante per tutto quello che ne ho ricevuto.

In ordine cronologico e alfabetico, dunque, con tutto l’affetto che può contenere l’aggettivo indimenticabili, saluto...

 

*

 

"Chi da Mammone fu scacciato, chi Mammon se l'è cercato..." (domenica 8 maggio 2011)

Chi da Mammone fu scacciato, chi Mammon se l’è cercato... (domenica 8 maggio 2011)

Immaginiamo un paese: un paese immaginario chiamato Ahinoi, in una galassia lontana lontana. Immaginiamo che ad Ahinoi,

in una galassia lontana lontana, un bel giorno di primavera di tantissimo tempo fa mancassero pochi giorni alle elezioni amministrative.

E immaginiamo, infine, che i partiti che si contendevano il voto dei Cittadini di Ahinoi avessero qualcosa in comune...

Anzi, non qualcosa: qualcuno. Ma come? Ancora non c’erano, in Comune, e già avevano qualcuno in comune? Proprio così.

Ecco: immaginiamo che i due partiti che si contendevano il voto dei Cittadini di Ahinoi avessero in comune Mammone.

Che il Mammone dell’uno, cioè, fosse anche il Mammone dell’altro...

 

*

 

"Fine della Sinistra ad Anticoli Corrado?" (domenica 17 aprile 2011)

Fine della Sinistra ad Anticoli Corrado? (domenica 17 aprile 2011)

L’alleanza tra la maggioranza del Partito democratico anticolano e il settore più di destra dell’amministrazione uscente

non è “solo” un gravissimo errore ― un suicidio politico, come l’ha definita un esponente tra i più stimati e amati della Sinistra anticolana.

È anche una grave lesione del nostro diritto di voto. Votare, infatti, significa scegliere. Ma come possiamo scegliere, e cosa,

se le “alternative” proposte sono identiche? Due destre: ecco chi si contende il voto del 15 e 16 maggio ad Anticoli Corrado.

Un candidato della destra che ha amministrato dal 2001 a oggi, l’Arcobaleno. “Contro” un candidato sindaco ancor più di destra

(in lite con i primi per motivi mai chiariti in modo convincente) e una “spruzzatina” di candidati consiglieri del Partito democratico...

 

*

 

"Bertinotti ad Anticoli senza ridere e senza piangere" (mercoledì 16 marzo 2011)

Bertinotti ad Anticoli senza ridere e senza piangere (mercoledì 16 marzo 2011)

Si fa, penso io, se Bertinotti, per Tremonti, non è capace di sentire l’antipatia che sentiamo noi. Se Bertinotti, cioè, dinanzi a un Tremonti

può valersi delle notevoli doti culturali e polemiche di cui anche ad Anticoli ha offerto brillantissima prova, ma non di quei normali sentimenti

(come li chiamava Gaber) che perfino il più goffo e ignorante di noi naturalmente prova alla sola idea di trovarsi vicino a un uomo come quello,

col quale già tollera a fatica di condividere la nazionalità. Penso, cioè, che Bertinotti, molte delle cui idee condivido e le cui parole a difesa

della Costituzione intanto apprezzo e insieme a tutti applaudo, politicamente è un impotente perché, benché sappia molto, non sente niente...

 

*

 

"Il Paese delle Bambine Scomparse" (domenica 16 gennaio 2011)

Il Paese delle Bambine Scomparse (domenica 16 gennaio 2011)

Cappuccetto Rosso ebbe la fortuna di nascere nel Paese delle Fiabe, non nel Paese delle Bambine scomparse. Dove (il nome lo dice) le Bambine spariscono e spariscono, da chissà quanto tempo, certo da almeno trent’anni, forse da secoli, e nessuna mai torna, nessuna viene mai ritrovata. Ritrovano, ma cadaveri, le Bambine rapite dai mentecatti che l’esempio del Principe ha fatto impazzire ancor più di quelli da cui si è fatto “solo” adorare, e che tentano di emularlo senza disporre né del suo potere, né dei suoi servi, pronti a tutto, né delle sue ricchezze. Ma le altre, le Bambine che gli sgherri del Principe rapiscono per lui e per sé stessi... no, di quelle non si trovano più neanche le fragili ossa...

 

*

 

2010

 

"Figli dell'odio contro i Giovani in lotta" (lunedì 20 dicembre 2010)

Figli dell'odio contro i Giovani in lotta (lunedì 20 dicembre 2010)

Ha scritto Roberto Saviano: “Chi ha lanciato un sasso alla manifestazione di Roma lo ha lanciato contro i movimenti di Donne e Uomini

che erano in piazza, chi ha assaltato un bancomat lo ha fatto contro chi stava manifestando per dimostrare che vuole un nuovo Paese,

nuove idee, una nuova classe politica”. E ha scritto bene, come meglio non potrei certo fare io. Io, invero, posso solo raccontare la mia esperienza

di giovane manifestante di tanti anni fa: non per trarne lezioni”, se riesco a evitarlo, ma per cercare di immaginare, con l’aiuto della memoria,

cosa sentano le Ragazze e i Ragazzi di oggi quando qualcuno che sembra qualcuno di loro a un tratto inconsultamente li coinvolge,

nella realtà delle aule e delle piazze o nella realtà virtuale dei social network, nella sua disperazione e follia fino a quel momento insospettate...

 

*

 

"Pasolini e Berlusconi: due pesi e due misure?" (mercoledì 1° dicembre 2010)

Pasolini e Berlusconi: due pesi e due misure? (mercoledì 1° dicembre 2010)

Domanda: avere rapporti sessuali con un minore (cioè, per la legge e per ogni sano di mente, fargli violenza) sarebbe meno grave

se l’adulto fosse un grande scrittore e regista anziché un minuscolo presidente del Consiglio?...

 

*

 

"Sarebbe migliore l'Italia di oggi se nel 1945 i fascisti fossero stati ammazzati tutti?" (domenica 10 ottobre 2010)

Sarebbe migliore l’Italia di oggi se nel 1945 i fascisti fossero stati ammazzati tutti? (domenica 10 ottobre 2010)

Il fascismo non può non essere criminale, sostiene Efrem Parodi, protagonista di Per vendetta, “trentacinque anni, professore di Storia

nella Piccola Città, nel nord-ovest dell’Argentina, arrivato in America del Sud inseguendo il miraggio di un Nuovo Mondo

e per dimenticare il proprio passato e lo squallido presente dell’Italia”. E la Chiesa non può non essere fascista,

dice il prete torturatore che di Efrem è il principale antagonista. Ma il fascismo e la Chiesa, in Argentina e in Italia,

avrebbero commesso meno crimini se, in Italia, individui come Licio Gelli e Pio Laghi fossero morti nel 1945?...

 

*

 

"Anticoli Corrado merita di più" (con le "Cinque Proposte per la piena Realizzazione di Anticoli Corrado" (domenica 5 settembre 2010)

Anticoli Corrado merita di più (con le Cinque Proposte per la piena Realizzazione di Anticoli Corrado (domenica 5 settembre 2010)

L’attuale maggioranza non ha mai avuto un’immagine di Anticoli da confrontare con i sentimenti e le immagini dei Cittadini.

L’attuale maggioranza ama Anticoli Corrado come amano i figli i genitori che sanno solo mettergli in mano un po’ di soldi di quando in quando,

ma non li sognano, non li pensano, non li capiscono, e così a poco a poco li pèrdono. L’amministrazione uscente, cioè, è riuscita solo a spendere,

ma alla rinfusa e pressoché a casaccio, i soldi che di volta in volta otteneva da questo o da quello, ma non ha mai concepito un’immagine creativa

del paese e della comunità da offrire in dono ai suoi stessi elettori e a tutti gli Anticolani; e in questo senso ha tradito, in primo luogo,

proprio le aspettative di chi, votandola, aveva riposto le sue speranze in essa e non ha avuto in cambio che qualche “mancia” ogni tanto...

 

*

 

"Lavorare bene tra berluscisti e marchionnisti? Solo un matto" (mercoledì 4 agosto 2010)

Lavorare bene tra berluscisti e marchionnisti? Solo un matto (mercoledì 4 agosto 2010)

In Italia la produttività del lavoro è sempre più bassa, annuncia lIstat. Tra il 1980 e il 2000 cresceva ogni anno dell1,2%: poco, ma cresceva.

Dal 2000 a oggi, invece da quando governano i berluscisti, cioè la produttività del lavoro è sempre calata, e dal 2007 cioè da quando

il berluscismo ha lanciato l’attacco finale al cuore della Democrazia e dei Diritti dei Lavoratori il calo delle quantità prodotte

per ogni unità di lavoro è diventato un crollo: meno 2,7% all’anno. Eppure a nessun commentatore viene in mente che i Lavoratori italiani

possano essere solo” demoralizzati troppo depressi, cioè, per rendere” sul lavoro quanto e più dei Lavoratori di altri Paesi...

 

*

 

"2 agosto 1980 - 2 agosto 2010: le 2 Italie" (domenica 1° agosto 2010)

2 agosto 1980 - 2 agosto 2010: le 2 Italie (domenica 1° agosto 2010)

Commenti? Bastano i fatti. Sabato 2 agosto 1980, alle 10.25, una bomba fascista (fascista per sentenza definitiva) esplode nella sala d’aspetto

della stazione di Bologna uccidendo 85 Esseri umani e ferendone 200. Individui della loggia P2 tentano, invano, di depistare le indagini.

Trent’anni dopo, nessun ministro del governo berluscìsta, attuatore del programma della loggia P2, partecipa alla commemorazione

delle vittime della strage. Ma non accade “solo” questo, trent’anni dopo la strage di Bologna. Accade anche...

 

*

 

"L'invidioso d'Anticoli" (mercoledì 21 luglio 2010)

L'invidioso d'Anticoli (mercoledì 21 luglio 2010)

Nel 1882 Tito Berti visitò e descrisse quattro paesi della Valle dell’Aniene: Affile (che della Valle non è, ma ha con essa forti legami),

Agosta, Arsoli e Anticoli Corrado. Mise in evidenza pregi e difetti dei primi due con serena imparzialità, quasi s’innamorò di Arsoli,

la piccola Parigi, ma quando giunse ad Anticoli vide o piuttostò sentì qualcosa che lo fece impazzire, e odio e invidia s’impadronirono di lui...

 

*

 

"Hemingway, Mussolini, Uomini e No" (mercoledì 7 luglio 2010)

Hemingway, Mussolini, Uomini e No (mercoledì 7 luglio 2010)

Una domenica di primavera, verso la metà degli anni ’20, Ernest Hemingway ventiseienne scendeva in macchina verso La Spezia con un amico.

Avevano una vecchia Ford coupé. Tra le montagne, mentre attraversavano a passo d’uomo la piazza di un paese, un giovane con una valigia

si staccò da una piccola folla, venne verso l’automobile e chiese loro di portarlo alla Spezia. “Abbiamo solo due posti e sono occupati”,

disse Ernest. “Monterò sul predellino”, disse il giovane. Spiegò che per un fascista e uomo abituato a viaggiare come lui non era una gran cosa

e saltò sul predellino sinistro dell’automobile tenendosi aggrappato con il braccio dentro il finestrino aperto...

 

*

 

"Tra le rovine della Scuola vagano come zombie gli 'insegnanti' di destra" (lunedì 14 giugno 2010)

Tra le rovine della Scuola vagano come zombie gli “insegnanti” di destra (lunedì 14 giugno 2010)

Vista da fuori la Scuola sembra ancora in piedi. Dentro, invece, è distrutta. Come l’Aquila, lugubre “parco a tema” dell’immaginario della Destra,

la Scuola è già oggi quel che l’Italia sarà tra pochissimo: lammasso di rovine morali e materiali che il berluscismo aveva in mente fin dagli inizi

(solo che lo credeva e continua a crederlo, farneticando, un’immagine realistica dell’Italia nelle mani dei “comunisti”) e che giorno dopo giorno

sta rendendo vero: come un nemico invasore che voglia far davvero, di noi e del nostro Paese, l’oggetto mostruoso che ha dentro di sé,

ma che delira di vedere davanti a sé mentre continua a colpirlo. Eppure tra le rovine, con infinita immaginazione, coraggio,

intelligenza, i Bambini, i Ragazzi, molti Insegnanti, Presidi, Bidelli ― sostenuti da Famiglie non meno forti e generose ―

tentano malgrado tutto di vivere, non solo di sopravvivere: continuare a imparare gli uni dagli altri, crescere, realizzarsi...

 

*

 

"C'è Dio contro Obama? O solo lo Stato israeliano?" (martedì 1° giugno 2010)

C’è Dio contro Obama? O solo lo Stato israeliano? (martedì 1° giugno 2010)

La notte fra il 30 e il 31 maggio lo Stato israeliano ha dimostrato ancora una volta che uno Stato teocratico uno Stato, cioè, che delira di basarsi

su quel ch’è superiore all’Umano ― non può non essere uno Stato contro l’Umano. E come tale, per quanto abilmente si finga democratico,

non può evitare la violenza contro l’Umano. E non può non tradire, perpetrandola, il proprio criminale fanatismo. Ma lo Stato israeliano

è davvero teocratico? La risposta è sì: è uno Stato teocratico perché il principio fondamentale di ogni sua valutazione, decisione e azione

è la volontà di impedire che i cittadini israeliani non di religione ebraica diventino la maggioranza del suo elettorato...

 

*

 

"Papa di Pecore?" (giovedì 29 aprile 2010)

Papa di Pecore? (giovedì 29 aprile 2010)

Tutto quello che avete sempre desiderato sapere sul sesso ma non avete mai osato chiedere è il titolo di un film di Woody Allen del 1972

in cui ne succedono di tutti i colori: un giullare (Woody) non riesce a liberare la mano dalla cintura di castità della moglie del re;

una mostruosa tetta gigante creata da uno scienziato pazzo sfugge al suo controllo e fa più danni di King Kong; uno spermatozoo pusillanime

(Burt Reynolds) trema di paura al momento di “lanciarsi” all’esterno del pene... E un medico apparentemente “normale”, il dottor Ross

(interpretato da Gene Wilder) sinnamora perdutamente di una bellissima pecora e per lei abbandona la famiglia...

 

*

 

L'Istituto che quasi Mi uccise (lunedì 8 marzo 2010)

L'Istituto che quasi mi uccise (lunedì 8 marzo 2010)

Nessun bambino esce senza ferite da una scuola come l’Istituto, laica o religiosa che sia. Già “solo” dover pagare, per un’istruzione

che a ogni altro è donata per l’amore della Società per i suoi figli, fa del rapito alla Scuola di Tutti non soltanto un bambino abbandonato

ed escluso, ma già un piccolo sfruttato nell’età che a tutt’oggi è l’unica che siamo riusciti a sottrarre alla riduzione degli Esseri Umani a oggetti.

Se poi il bambino abbandonato, oltre che pagare, deve anche credere, allora la condizione d’inferiorità ― a cui il suo essere sfruttato lo abbandona

per un tempo che benché della massima importanza, in quanto dovrebbe essere dedicato alla sua realizzazione, tuttavia non è che una parte

della sua giornata ― da parziale si fa totale: egli non viene diminuito solo per alcune ore a fini di lucro, egli è reso inferiore di fatto

(se non si rifiuta di credere) al “divino” e a i suoi “rappresentanti” che nella sua mente si rendono a lui superiori una volta per sempre...

 

*

 

"La lingua di Harvey" (sabato 20 febbraio 2010)

La lingua di Harvey (sabato 20 febbraio 2010)

Luogo in cui non si parla: questa è una definizione di scuola che molti, e non solo tra i bambini, troverebbero appropriata.

A scuola si fa lezione, si sta attenti, si fa silenzio, si è interrogati, ecc. Non si parla. O, se si parla, lo si fa di nascosto.

Parlare, essere in rapporto e comunicare verbalmente, a scuola ― come in chiesa e al cimitero ― è fare contrabbando.

Ed è causa di rimorso. Perfino noi insegnanti ci sentiamo in colpa quando parliamo coi bambini. Ci sembra di rubare...

 

*

 

"Massimiliano Novelli intervista Luigi Scialanca sulla Televisione" (febbraio 2010)

Massimiliano Novelli intervista Luigi Scialanca sulla Televisione (febbraio 2010)

...Credi che la tv sia il nuovo oppio dei popoli? Certo che sì. Solo che l’oppio, prima di ammazzare, dava sensazioni “gradevoli”

(anche se distruttive psichicamente e fisicamente). La tv, invece, prima di ridurti in pappa il cervello,

ti fa anche sentire un essere spregevole tra esseri spregevoli...

 

*

 

"La 'scienza' de 'La Repubblica'" (mercoledì 3 febbraio 2010)

La “scienza” de La Repubblica (mercoledì 3 febbraio 2010)

Con qualche giorno di ritardo ― è quasi impossibile star dietro ai mille spettacoli pirotecnici al giorno che i media allestiscono

a uso e consumo del colto e dell’inclita ― non possiamo non occuparci dell’Umberto Galimberti de La Repubblica del 23 gennaio

(La nostalgia dell’innocenza perduta che leggiamo nello sguardo dei cuccioli) e dell’Elena Dusi (Piccoli sogni crescono: assenti nei bimbi,

si formano con l’età, con accompagnamento di Giulio Tononi) de La Repubblica del 25...

 

*

 

"Zucconi" (mercoledì 20 gennaio 2010)

Zucconi (mercoledì 20 gennaio 2010)

Vittorio Zucconi ha scritto qualche giorno or sono: Si vorrebbe non vedere e non guardare le foto del linciaggio e della profanazione

del cadavere dello sciacallo a Haiti, per credere che appartengano a un altro pianeta, a un’altra dimensione, a un tempo che noi,

con la nostra giurisprudenza, lo Stato, i codici, l’autorità, il patto civile di convivenza che affida ai magistrati e non ai machete il castigo

dei colpevoli, abbiamo superato per sempre. Si vorrebbe, ma non si può, perché quello che scovolge e nausea non è la distanza, ma la prossimità.

È la conferma che tutti gli uomini, messi nelle circostanze giuste, siano capaci di tutto. Parla per te, Zucconi: ci sarai tu, capace di tutto...

 

*

 

"Il Giorno e la Notte" (domenica 3 gennaio 2010)"Il Giorno e la Notte" (domenica 3 gennaio 2010)

Il Giorno e la Notte (domenica 3 gennaio 2010)

Che dire di queste due letterine? A metterle a confronto per amore e odio, son davvero Il Giorno e La Notte: lette (tra l’imperversare dei botti)

nella tarda serata del 31 dicembre, quella della cara Bruna (Il Giorno) ci ha illuminato e riscaldato il Capodanno come un anticipo d’estate,

che ci accompagnerà e ci renderà più forti almeno fino all’estate vera, mentre l’altra (La Notte) ci ha ripiombato nell’oscurità e nel gelo...

 

*

 

2009

 

"Papa Abbondio I?" (venerdì 25 dicembre 2009)

Papa Abbondio I? (venerdì 25 dicembre 2009)

Il coraggio, diceva don Abbondio, uno non se lo può dare. E se non lo poteva don Abbondio parroco, perché dovrebbe poterlo don Joseph papa?

Già. Ma don Abbondio almeno lo ammise, dinanzi al cardinal Borromeo, di essere un fifone. Anzi: arrivò perfino a bofonchiare qualcosa di simile

a un’ammissione di colpa. Non così il “nostro” superparroco universale Benedetto XVI, che a scusarsi non ci pensa proprio...

 

*

 

Babilonia rivisitata (lunedì 21 dicembre 2009)

Rovinato dalla crisi economica, Charlie Wales, di trentacinque anni e “piacevole aspetto” ma con “una ruga profonda tra gli occhi”

― ai bei tempi un master of the Universe della Borsa di New York: “una specie di clan reale, quasi infallibile, circondato da un che di magico” ―

si sta pian piano riprendendo: è di nuovo “in affari”, questa volta nell’Europa dell’Est, dove gli hanno affidato la rappresentanza di “un paio di ditte”

― “laggiù non mi conoscono”, dice: sa che se lo conoscessero non si fiderebbero ― e comincia a rivedere un po’ di denaro...

 

*

 

"La Morte e la Fanciulla (ipotesi sulla anoressia)" (martedì 3 novembre 2009)

La Morte e la Fanciulla (ipotesi sulla anoressia) (martedì 3 novembre 2009)

Essendo nato umano, non sono del tutto umano. C’è in me ― nel corpo, nella mente ― qualcosa che per nascita, per natura, non va.

Qualcosa che per nascita, per natura, non è sano: è brutto, è ripugnante, è pericoloso per me e per gli altri. Qualcosa che,

per il suo essere per natura, non si può correggere né mitigare: solo controllare, forse, ma controllando tutto me stesso.

Solo uccidere, forse, ma uccidendo tutto me stesso. (...) Istillare un dubbio inammissibile, dissennato sulla validità della nascita:

questo, a nostro avviso, è il vaneggiamento che più di ogni altro rende le religioni irrecuperabili al pensiero umano...

 

*

 

"Aria nuova nel Pidì di Anticoli Corrado" (domenica 27 settembre 2009)

Aria nuova nel Pidì di Anticoli Corrado (domenica 27 settembre 2009)

Congratulazioni, cara Francesca! Grazie per il coraggio e la generosità con cui ti assumi questo impegno!...

 

*

 

"Bagnasco-Copernico o Bagnasco-Cyrano?" (domenica 9 agosto 2009)

Bagnasco-Copernico o Bagnasco-Cyrano? (domenica 9 agosto 2009)

Dovrebbe leggerlo e meditarlo, questo articolo dello storico Danielson, chi nella finta “sinistra” non solo si ostina a credere che la Chiesa,

e più in generale la religione, possano indurre a una maggiore considerazione reciproca gli Esseri Umani, ma addirittura si stupisce

che la Chiesa (nella Società) e la religione (in ogni singola mente) non facciano sentire assai più alte e forti le proprie voci in tal senso...

 

"Chi diffonde il pensiero malato che tramuta ciò che è Umano in merce?" (luglio 2009)

Chi diffonde il pensiero malato che tramuta ciò che è Umano in merce? (luglio 2009)

È lecito parlare di pensieri malati? E domandarsi, come se fossero malattie infettive, chi li diffonda? Dubitarne, secondo noi, è impossibile. Pensiamo ― leggendo Il lavoro non è una merce, di Luciano Gallino ― a quanti danni, a quanta miseria, a quanta sofferenza e infelicità,

a quante morti provochi nel mondo ogni giorno, ogni ora, ogni minuto, l’idea che ciò che è umano ― il lavoro, certo, ma non solo ―

si possa considerare e trattare come una merce, come se fosse possibile separarlo dagli Esseri Umani, dalla loro storia, dalla loro vita,

dal loro essere sempre qui, dinanzi a me e in rapporto con me, anche se lontani, anche se non li vedo, anche se non li conosco...

 

*

 

"L'odio fascista, ovunque scorga l'indomabile umano profondo" (giugno 2009)

L’odio fascista, ovunque scorga l’indomabile umano profondo (giugno 2009)

Perché sono così odiati, i contadini di Gagliano, da fascisti e “signori”? E oggi che i contadini di Gagliano non esistono più,

oggi che nessuno è più contadino, forse per questo non è più possibile quell’odio, non possono più esserci fascisti né “signori”?

Della Lucania di Carlo Levi, del mondo contadino di Cristo si è fermato a Eboli, come del mondo magico lucano di Ernesto De Martino,

è luogo comune dirlo un mondo scomparso, un mondo che non c’è più né potrà più esserci. Ma il luogo comune dice il falso,

come tutti i luoghi comuni che pullulano dalla nostra mediocrità...

 

*

 

"Linda Maestra!" (domenica 21 giugno 2009)

Linda Maestra! (domenica 21 giugno 2009)

Più di una volta abbiamo ripensato alla Linda maestra! di Goya, nei nostri venticinque anni d’insegnamento.

Non pochi, fra colleghe e colleghi, ce l’hanno più o meno plasticamente ricordata...

 

*

 

"Chi porterà la Gelmini davanti a Salomone?" (giovedì 4 giugno 2009)

Chi porterà la Gelmini davanti a Salomone? (giovedì 4 giugno 2009)

È ogni giorno più chiaro a quale matrigna il governo della Destra abbia consegnato i Bambini e i Ragazzi italiani...

 

*

 

"Gli Spioni del Regime sono già tra Noi?" (domenica 17 maggio 2009)

Gli Spioni del Regime sono già tra Noi? (domenica 17 maggio 2009)

Noi, lo diciamo chiaro e forte, non solo non denunceremo mai qualcuno come “clandestino”, ma se ci imbatteremo in uno di loro

o ne verremo a sapere, faremo per proteggerlo tutto ciò che potremo fare salvo ricorrere alla violenza...

 

*

 

"Totti in tutte le Aule?" (domenica 26 aprile 2009)"Totti in tutte le Aule?" (domenica 26 aprile 2009)

Totti in tutte le Aule? (domenica 26 aprile 2009)

Sì, un insegnante può confessare (o vantare, a seconda dei casi) la propria “fede” o il proprio “agnosticismo” calcistici.

Per un prof che del calcio se ne infischia, ce ne sarà un altro che non può vivere senza di esso; contro un docente “romanista”

si schiererà, l’ora successiva, un “laziale”. Ma la Scuola e le scuole, in quanto tali ― intese come Istituzione dello Stato

e come singoli istituti ― devono essere (anche calcisticamente) rigorosamente laiche...

 

*

 

"La Guerra Civile Italiana" (mercoledì 8 aprile 2009)

La Guerra Civile Italiana (mercoledì 8 aprile 2009)

Quando cominciò la Guerra Civile Italiana? 210 anni fa, il 20 giugno 1799, quando l’esercito della Santa Fede del Cardinale Ruffo,

entrato a Napoli, si diede a strappare i cuori dei Repubblicani e a divorare vivi i loro Bambini...

 

*

 

"Vaticano e dintorni: giù giù, fino alla teocrazia israeliana..." (mercoledì 11 marzo 2009)

Vaticano e dintorni: giù giù, fino alla teocrazia israeliana... (mercoledì 11 marzo 2009)

Quali zone del cervello dovrebbero attivarsi, parlando di Dio e dell’aldilà, se non le aree preposte all’immaginazione e alla fantasia,

che gli altri animali non possiedono? E questo non solo nei cervelli atei, ma anche nei cervelli credenti. Dimostrando, così,

che anche i credenti, almeno in un angolino dei loro cervelli, non credono affatto. Ed è così che si salvano (quasi sempre) dalla follia...

 

*

 

"Ratzinger e Berlusconi contro l'Italia" (domenica 8 febbraio 2009)

Ratzinger e Berlusconi contro l'Italia (domenica 8 febbraio 2009)

Il decreto con cui il governo della Destra ha tentato di annullare la sentenza della Corte di Cassazione sulla vicenda di Eluana Englaro

e della sua famiglia ― in aperto disprezzo dei Diritti Umani sanciti dalla Costituzione della Repubblica, e contro i sentimenti

e la volontà della stragrande maggioranza del popolo italiano ― non si può definire altrimenti che un tentativo di colpo di Stato...

 

*

 

"Davvero gli Dei sono più in gamba degli Umani?" (mercoledì 28 gennaio 2009)

Davvero gli Dei sono più in gamba degli Umani? (mercoledì 28 gennaio 2009)

Realizzati fra il III secolo a. C. e il VII d. C., i ciclopici disegni di Nazca, in Perù, estesi centinaia di chilometri e visibili solo dal cielo,

erano opere d’arte di cui poteva godere soltanto il dio. O comunicazioni che solo il dio poteva ricevere...

 

*

 

"È ancora democratico il Paese ove sono eleggibili solo religiosi osservanti?" (mercoledì 7 gennaio 2009)

È ancora democratico il Paese ove sono eleggibili solo religiosi osservanti? (mercoledì 7 gennaio 2009)

Una “mossa vaticana” ha introdotto “una rilevante novità nei rapporti tra Stato e Chiesa, tra la legislazione della Repubblica Italiana

e quella della Città del Vaticano”. Lo ha scritto, su La Repubblica del 5 gennaio, Stefano Rodotà, attento osservatore e analista

del deterioramento a cui è da anni sottoposta, in Italia e altrove, la laicità dello Stato...

 

*

 

 

2008

 

"I Figli della Precarietà (sociale e mentale)" (venerdì 26 dicembre 2008)

I Figli della Precarietà (sociale e mentale) (venerdì 26 dicembre 2008)

L’ormai lontano 25 settembre 2008 i giudici della Cassazione hanno confermato la condanna a molti mesi di reclusione di un insegnante

per aver detto a un’alunna di seconda liceo: “Non hai più alcuna possibilità di essere promossa”. Non l’avessero mai fatto! Sùbito si sono abbattuti

su di loro gli anatemi dell’ombra di ministro della Pubblica Istruzione del Pidì, Garavaglia (Bisogna smetterla di minare l’autorevolezza

degli insegnanti!) e gli strali della vicepresidente (per il Pidièlle) della bicamerale (sic) per l’Infanzia (sic) Gabriella Carlucci...

 

*

 

"È la legge divina la salvezza dell'economia dalla legge della giungla?" (dicembre 2008)

È la legge divina la salvezza dell’economia dalla legge della giungla? (dicembre 2008)

Economia canaglia descrive un mondo ― che è anche il nostro, nel duplice senso che è il mondo che anche noi abbiamo fatto

(o che non siamo riusciti a contrastare come avremmo desiderato) e il mondo ove anche noi viviamo senza poter evitare di esserne offesi ―

in cui il sentimento del valore incommensurabile di ogni umano, non come “creatura a immagine di una divinità“,

o come membro di un’associazione ideologico-politica, o come produttore e consumatore di merci materiali e virtuali,

ma come “semplice” animale umano, è oggi assai più fioco di quanto lo sia mai stato dopo la fine della Seconda guerra mondiale...

 

*

 

"Perché solo la Scuola? Privatizziamo anche l'acqua, no?" (martedì 11 novembre 2008)

Perché solo la Scuola? Privatizziamo anche l'acqua, no? (martedì 11 novembre 2008)

“I servizi pubblici sono un peso per il Paese. La produttività non cresce ma va indietro”. Un titolo del Giornale, del Foglio, del Secolo d’Italia? No, è il titolo che La Repubblica, supplemento Affari & Finanza di lunedì 10 novembre 2008, ha dato a una (cosiddetta) “analisi” di Andrea Boitani che invita (chi? Berlusconi e Soci, supponiamo, dal momento che al governo ci sono loro) a privatizzare al più presto e sul serio “la distribuzione dell’energia elettrica e del gas, i servizi idrici, la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti, i trasporti locali...”

 

*

 

"I neonati non sono umani?" (domenica 2 novembre 2008)

I neonati non sono umani? (domenica 2 novembre 2008)

Dice Gianfranco Vazzoler, primario e membro della Consulta di bioetica di Pordenone, che il neonato non è una persona,

perché persona è chi ha autocoscienza, senso morale e razionalità. Dunque, secondo questo “illustre” “scienziato”,

lui stesso cessa di essere una persona ogni volta che si addormenta nel suo letto...

 

*

 

"L'Italia dei divieti" (mercoledì 20 agosto 2008)

L'Italia dei divieti (mercoledì 20 agosto 2008)

È un fotogramma de Il sole negli occhi, trasmesso da Rai 3 lunedì mattina: il primo film (1953) di Antonio Pietrangeli (1919-1968),

bravo (e abbastanza misconosciuto) autore di alcuni tra i più bei ritratti femminili del cinema italiano...

 

*

 

"Bambini vestiti da cretini, guidati da cretini vestiti da Bambini" (mercoledì 13 agosto 2008)

Bambini vestiti da cretini, guidati da cretini vestiti da Bambini (mercoledì 13 agosto 2008)

Ci mette, noi insegnanti e impiegati statali, insieme ai rovistatori di spazzatura, ai mendicanti, alle prostitute, ai lavavetri.

E questo è bello, e ne ringraziamo il Merlo, poiché in Italia, oggi, non c’è compagnia più rassicurante:

solo i perseguitati possono rassicurarci, accogliendoci tra loro, di non essere anche noi dei persecutori...

 

*

 

"Guai all’insegnante che dà le spalle alla classe..." (luglio 2008)

Guai all’insegnante che dà le spalle alla classe... (luglio 2008)

Il Seme della Violenza ha più di mezzo secolo, e qua e là si sente. Ma l’amore e la sincerità che lo pervadono sono innegabili, e il problema

che affronta – come si fa non diciamo a insegnare, ma anche solo a comunicare qualcosa a chi fu privato del desiderio di apprendere? 

a tutt’oggi non solo non è stato risolto, ma neppure è stato mai posto in termini nuovi, diversi da quelli entro i quali lo si vedeva nel 1955,

nel 1855 e forse nel 355 avanti Cristo. Non dai pedagogisti, quanto meno. E men che mai dagli inetti e dai vandali che un anno sì e l’altro pure

sfornano “riforme” della Scuola con il solo (e mai confessato) scopo di rapinarla delle sue già modeste risorse...

 

*

 

"Picconate alla Costituzione?" (martedì 3 giugno 2008)

Picconate alla Costituzione? (martedì 3 giugno 2008)

Con il governo Berlusconi e Soci, e con la finta opposizione della finta sinistra” del Pidì, tutte le picconate che volete!

Ammesso che le vogliate. Noi non le vorremmo, perché i diritti che in questi giorni sono colpiti o messi in discussione

non appartengono solo ad alcuni: sono anche nostri, sono di tutti. Ma andiamo con ordine...

 

*

 

"Prima il Nome, poi il Cognome" (mercoledì 20 maggio 2008)

Prima il Nome, poi il Cognome (mercoledì 20 maggio 2008)

Lorena Cultraro, poco più che una bambina. Assassinata da tre coetanei, a loro volta odiati e maltrattati fin dalla nascita.

E gli insegnanti ― ultima sua occasione di riscatto ― invece di chiudersi in casa a piangere, rilasciano interviste:

Trenta alunni, la classe di Lorena,” dicono, “ma non sono mai più di dieci. Non sono minimamente interessati alle lezioni,

vengono solo per l’obbligo scolastico, un giorno sì e quattro no. I ragazzi vanno ad aiutare i genitori nelle campagne,

le ragazze fanno le faccende di casa...” E voi dove siete, signore e signori insegnanti,

mentre Lorena e altri venti bambini e ragazzi spariscono nel nulla e nelle vostre aule si fa il vuoto?...

 

*

 

"Fiori nel Cemento" (venerdì 2 maggio 2008)

Fiori nel Cemento (venerdì 2 maggio 2008)

Una notizia che farà piacere a quanti amano Charles Darwin per l’immensa e gioiosa libertà di pensiero che ha donato all’Umanità:

l’evoluzione delle specie è tuttora in corso intorno a noi, e per vederla in azione non siamo più costretti a rivolgerci ai batteri

che di anno in anno diventano sempre più resistenti agli antibiotici evolvendosi sotto i nostri stessi occhi (e nei nostri corpi)...

 

*

 

"Zitelle a Vallepietra, Modelle ad Anticoli Corrado" - Immagini della Donna nel Novecento della Valle dell'Aniene (gennaio - marzo 2008)

Zitelle a Vallepietra, Modelle ad Anticoli Corrado - Immagini della Donna nel Novecento della Valle dell'Aniene (gennaio-marzo 2008)

...E allora va dall’artista a spogliarsi senza coscienza di cercare un’immagine di sé in un rapporto sessuale

di cui non vi sia convalida fuor che quella dell’uomo e della donna; in un tentare insieme, senza saper nominarle,

la creatività, la ricerca, la realizzazione che per natura distinguono l’umano dal non umano...

 

*

 

"Scacciare i lupi" (martedì 4 marzo 2008)

Scacciare i lupi (martedì 4 marzo 2008)

Giorni fa, abbiamo rivisto con gli alunni Il dottor Živago, che David Lean trasse nel 1965 dall’omonimo capolavoro di Boris Pasternak.

E, come sempre accade quando rivediamo un film coi ragazzi ― per quante volte possiamo averlo già visto abbiamo scoperto qualcosa

che finora ci era sfuggito: la scena, verso la fine, in cui Živago (Omar Sharif), mentre scrive ― a Varýkino, una notte d’inverno,

accanto a Lara (Julie Christie) che dorme ― è interrotto e turbato dagli ululati dei lupi che circondano la casa assediata dal gelo...

 

*

 

"Liberisti di destra, di centro e di 'sinistra' contro la specie umana" (febbraio 2008)

Liberisti di destra, di centro e di sinistracontro la specie umana (febbraio 2008)

Non esistono shock buoni. Non esistono shock di sinistra. L’idea di riformare un Paese o di trasformare un essere umano infliggendogli dei traumi

che ne aggrediscano e distruggano identità e memoria è sempre un’idea stupida, violenta, un’idea nazista che solo un profondo odio per l’Umanità

(magari inconsapevole, magari travestito da “buonismo” politically correct, sornione e untuoso quant’altri mai) può suscitare e alimentare...

 

*

 

"Che cosa fu, davvero, il '68?" (sabato 23 febbraio 2008)

Che cosa fu, davvero, il '68? (sabato 23 febbraio 2008)

Fu una rivolta di ventenni contro i vecchi Dei: Religione, che riduceva a creatura il vero Creatore e ad ubbidienza la sua creatività;

Ragione, che soffocava emozioni e affetti nella morsa dei dogmi e dei doveri; Sapere mummificato, che esigeva sacrifici umani

d’immaginazione e di ricerca; Denaro e Profitto, pieni d’odio contro ogni vera realizzazione umana; Famiglia, Scuola, Azienda,

che pretendevano amore, studio, lavoro ma non offrivano che sottomissione...

 

*

 

"L'abuso di tv come possibile concausa di lesioni cerebrali e demenza" (sabato 9 febbraio 2008)

L’abuso di tv come possibile concausa di lesioni cerebrali e demenza (sabato 9 febbraio 2008)

Può l’abuso di televisione ledere fisicamente il cervello? Non solo perché i programmi televisivi sono così stupidi e volgari

da far male alla mente, alla fantasia, all’intelligenza, all’affettività, non tanto perché il teleschermo emette radiazioni dannose,

quanto soprattutto perché i cervelli umani non sopportano l’esposizione prolungata e ininterrotta a un discorso univoco?...

 

*

 

"Perché non ci piacciono gli psicologi (e le psicologhe) a scuola" (mercoledì 2 gennaio 2008)

Perché non ci piacciono gli psicologi (e le psicologhe) a scuola (mercoledì 2 gennaio 2008)

Nell’Unione Sovietica di Stalin, di Krusciov e di Breznev, come tutti sanno, i dissidenti, gli avversari del regime, venivano internati in manicomio. Negli Stati Uniti di Bush, un bambino che non si comporti come i bimbi degli spot pubblicitari può essere imbottito di psicofarmaci fin dalla più tenera età, per impedirgli di infastidire genitori e insegnanti. In Italia, politici e intellettuali berlusconiani e veltroniani accusano di percezioni errate” o addirittura di esser diventati matti” gli Italiani che non son felici di come vanno le cose, mentre giornali e televisioni collaborano accanendosi giorno dopo giorno soprattutto contro i ragazzi: come se fossero tutti stupidi, tutti cattivi, tutti folli...

 

*

 

2007

 

 

"'La speranza indiana'. Ovvero: l'India per sentito dire" (giovedì 27 dicembre 2007)

La speranza indiana. Ovvero: l’India per sentito dire (giovedì 27 dicembre 2007)

Difficile mantenere la calma scrivendo di Rampini e del suo La speranza indiana dopo aver letto un suo articolo sul “turismo sanitario” in India.

Dopo aver da lui appreso, cioè (con inorridito stupore per i fatti che descrive e per l’ammirata simpatia con cui li descrive) che è sempre più attraente, per i paesi afflitti dall’invecchiamento demografico e da costi sanitari in aumento, curarsi negli avveniristici ospedali indiani...

 

*

 

"Stranamor Veltroni e la Prima Guerra contro la Romania" (lunedì 3 dicembre 2007)

Stranamor Veltroni e la Prima Guerra contro la Romania (lunedì 3 dicembre 2007)

Tre domande, signor Veltroni: 1. Chi aspira ― come lei ― alla guida del Paese, deve o no conoscere e rispettare la Costituzione?

2. Chi aspira ― come lei ― alla guida del Paese, deve o no conservare la calma nei momenti difficili e calibrare con cura parole e azioni?

3. Chi aspira ― come lei ― alla guida del Paese, può ingannare i cittadini dissimulando le proprie vere intenzioni e idee?

Quando ha gridato: In Italia cè un problema Rumeni!,” lei sapeva, signor Veltroni, che larticolo 27

della Costituzione della Repubblica stabilisce che la responsabilità penale è personale?...

 

*

 

"Riapre la caccia ai ragazzi e i media ricominciano a sparare..." (lunedì 15 ottobre 2007)

Riapre la caccia ai ragazzi e i media ricominciano a sparare... (lunedì 15 ottobre 2007)

Puntuale come la riapertura delle scuole, per il secondo anno consecutivo è ripartita la grande campagna dei media contro i ragazzi italiani.

I quali, secondo lor signori, sarebbero tutti dei criminali in erba, da perseguire sempre e dovunque con la massima severità...

 

*

 

"Quando le due Torri crollano sui Bambini" (sabato 22 settembre 2007)

Quando le due Torri crollano sui Bambini (sabato 22 settembre 2007)

Non ci passava neanche per la famosa anticamera del cervello che potesse esserci, nelle scuole italiane d’ogni ordine e grado,

un numero considerevole di bambini, anche molto al di sotto dei 12 anni, ai quali era stato permesso dai genitori

di vedere in televisione le immagini della strage di Beslan...

 

*

 

"In ricordo di Françoise Dorleac, la calda amante" (16 settembre 2007)

In ricordo di Françoise Dorleac, la calda amante (16 settembre 2007)

Sono passati quarant’anni dall’inizio dell’estate del 1967. Quando a Nizza, mentre i giovani di quasi tutto il mondo

ricevevano in dono Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band e preparavano il ’68, una ragazza di venticinque anni

rimase uccisa in un incidente. Si chiamava Françoise Dorleac, ed era la sorella maggiore di Catherine Deneuve...

 

*

 

"L'Olocausto dei poveri" (29 agosto 2007)

L'Olocausto dei poveri (29 agosto 2007)

Abbiamo visto When the leeves broke, l’impressionante documentario di Spike Lee sull’abbandono di New Orleans

durante e dopo l’uragano Katrina. Quando ad aiutare i sopravvissuti accorsero le Giubbe rosse canadesi e il Venezuela di Chavez,

ma non le autorità federali degli Stati Uniti. Non l’amministrazione Bush...

 

*

 

"Chi anestetizza le nostre menti?" (19 agosto 2007)

Chi anestetizza le nostre menti? (19 agosto 2007)

Federico Rampini, corrispondente de La Repubblica dall’India e dalla Cina, trascorre una settimana di meditazione e di yoga

(occhio a questa parola, perché la ritroveremo in quel di Amalfi) nell’ashram di Jaggi Vasudev, detto Sadhguru,

un settantenne che gira il mondo per insegnare inner engineering (= costruzione interiore) nelle università e nei summit più prestigiosi...

 

*

 

"Caterina va in città" (18 agosto 2007)

Caterina va in città (18 agosto 2007)

Lunedì scorso, il 13, Rai 1 ha trasmesso Caterina va in città, di Paolo Virzì. Registrato, lo abbiamo visto ieri sera. Evitando così

tutte le incivili interruzioni tranne la più scellerata, quella che tronca senza complimenti (i complimenti li fanno le persone per bene)

i titoli di coda, il bel commiato musicale e soprattutto la separazione da un mondo dimmagini e di idee in cui non potevamo rimanere,

e nemmeno l’avremmo voluto (saremmo ancora liberi, una volta personaggi?...) ma che sarebbe stato bello poter lasciare con calma...

 

*

 

Forse Beatrice

Forse Beatrice (2007)

Un bel giorno Eclario Barone è arrivato nella Valle dell’Aniene e non se n’è andato più; e il suo restare fa onore ai nostri piccoli grandi paesi e ci spinge a domandarci, piacevolmente sorpresi e un po’ increduli, che cosa vi sia, in noi, di tanto bello e importante da attrarre e interessare una persona come lui; ed è proprio così, crediamo, che gli uomini come Eclario ― senza esercitare alcun potere e quasi senza mezzi, attaccando e invadendo le menti e i cuori a colpi di fantasia ― ci inducono a far qualcosa per assomigliare davvero agli splendidi esseri umani che essi benevolemente fantasticano di vedere in noi...

 

*

 

Artemio, il Museo. il Tempo

Artemio, il Museo, il Tempo (luglio 2007)

Non solo la materia che le stelle bruciarono per milioni di secoli, ma anche ciò che l’essere umano fu e realizzò finché visse è ancora qui,

intorno a noi, in noi. Poiché non siamo polvere – niente lo è – e in polvere non ritorneremo...

 

*

 

"La gioia, la fiducia e la sfida tra l'adulto e il bambino" (maggio-luglio 2007)

La gioia, la fiducia e la sfida tra l'adulto e il bambino (maggio-luglio 2007)

Tre sono gli elementi che conferiscono al sentimento e al rapporto dell’adulto nei confronti del bambino

la qualità che lo rende più o meno valido: la Gioia, la Fiducia e la Sfida...

 

*

 

"Gentile Collega, scriva cento volte: 'Sono un'ignorante!'" (29 giugno 2007)

Gentile Collega, scriva cento volte: Sono un'ignorante! (29 giugno 2007)

Era un piccolo bullo, il ragazzino che perseguitava un compagno e lo chiamava femminuccia? Senza dubbio! Meritava una lezione? Sì!

Poteva l’esimia Insegnante lasciar correre, far finta di niente, tornare a chiacchierare in sala professori abbandonando il prepotente e la vittima?

Assolutamente no! Aveva il diritto di fargli scrivere cento volte qualcosa che lo inducesse a riflettere sull’insensatezza e la violenza

del proprio comportamento? Sicuro! Perché mai, allora, l’egregia Professoressa dovrebbe scrivere cento volte: Sono un’ignorante?...

 

*

 

...E allora, malgrado ogni dire e fare che di essi dica e faccia l’opposto, la Natura e il Caos sono buoni, negli sconfinati paesaggi della mente e del cuore di questo grande Artista...

Il Caos buono di Henry Inlander (16 giugno 2007)

E allora, malgrado ogni dire e fare che di essi dica e faccia l’opposto, la Natura e il Caos sono buoni,

negli sconfinati paesaggi della mente e del cuore di questo grande Artista...

 

*

 

"I Falsi Insegnanti" (marzo - maggio 2007)

I Falsi Insegnanti (marzo - maggio 2007)

...No. non tutti ― ché la maggior parte son pieni d’amore e d’impegno ― ma solo i Falsi: per imparare a riconoscerli, a difendersi, a liberartene...

 

*

 

"Million Dollar Baby: un film che non ci è piaciuto" (10 marzo 2007)

Million Dollar Baby: un film che non ci è piaciuto (10 marzo 2007)

Ci si sveglia da sogni agitati e confusi, una mattina che poteva essere bella, e: “Voglio fare un film ― si pensa, balzando dal letto come se scottasse,

con una ragazza straordinaria: appassionata, intelligente, bella, forte, decisa. Che si solleva dalla miseria, che realizza sé stessa.

E alla fine voglio farla morire. Ammazzata da me.” Com’è possibile, vecchio Clint, che un’idea del genere ti sia piaciuta?

Come ti è venuto in mente che propinarla al mondo intero sarebbe stata una cosa ben fatta?...

 

*

 

2006

 

 

"Arturo Martini 'cattivo' ad Anticoli Corrado" (martedì 19 dicembre 2006 - lunedì 26 febbraio 2007)

Arturo Martini cattivo ad Anticoli Corrado (martedì 19 dicembre 2006 - lunedì 26 febbraio 2007)

Una mattina, scesa sul canale, si alzò la sottana e si accucciò sull’acqua...”

E a due anni, così, Martini lega la visione della donna, del corpo nudo della donna, all’intuizione della forma...

 

*

 

"La colpa del bullismo è di chi non c'è" (26 novembre 2006)

La colpa del bullismo è di chi non c'è (26 novembre 2006)

Proprio così: la colpa del cosiddetto bullismo nelle scuole, la prima colpa, è degli insegnanti che non ci sono. Che si assentano e spariscono. Non tanto perché si ammalino o muoiano, ovviamente, e nemmeno perché vengano fatti sparire  dalla Società e dallo Stato, che sottovalutano l’importanza della loro funzione, da certi genitori, che li delegittimano dinanzi ai figli, dagli alunni, che talvolta diffidano a priori di qualsiasi adulto  quanto soprattutto perché essi stessi, a poco a poco o di punto in bianco, dopo anni di lavoro o fin dalla prima volta che entrano in classe, si dileguano e scompaiono come ectoplasmi...

 

*

 

"È giusto mantenere l'ordine impugnando un bastone?" (11 novembre 2006)

È giusto mantenere lordine impugnando un bastone? (11 novembre 2006)

Un grosso e levigato Bastone  un pesante Randello  è apparso da qualche giorno nella Scuola di Anticoli Corrado e ha deciso di stabilirvisi...

 

*

 

"Perché Anticoli è un Paese Immaginario?" (ottobre 2006)

Perché Anticoli è un Paese Immaginario? (ottobre 2006)

Immaginari, sindaco caro, sono i Paesi dove le Donne fan l’amore con gli Artisti, solo con gli Artisti,

e dove i Bambini non nascono sotto i Cavoli delle televisioni ma sono, tutti, Figli di Modelle...

 

*

 

"La Maestra che il Sindaco ammazzò" (11 settembre 2006)

La Maestra che il Sindaco ammazzò (11 settembre 2006)

Su La Repubblica di sabato 9 settembre, in un reportage di Guido Rampoldi dall’Afghanistan, ho letto che sempre più spesso, in quello sventurato paese, i fondamentalisti religiosi danno fuoco alle scuolegià un centinaio, dice il giornalista, ma non precisa in quanto tempo ― e uccidono gli insegnanti...

 

*

 

"Lo Scolaro, il DPEF e CL" (26 agosto 2006)

Lo Scolaro, il DPEF e CL (26 agosto 2006)

Lo Scolaro è uno dei più bei racconti di Henry James. Che cosa può avere in comune col DPEF e con Comunione e Liberazione? Se avete un po’ di pazienza, ve lo mostrerò...

 

*

 

"Tutti futuri geometri, i ragazzi di Anticoli?" (22 agosto 2006)

Tutti futuri geometri, i ragazzi di Anticoli? (22 agosto 2006)

Chi insegna ad Anticoli Corrado scopre un curioso fenomeno: è difficilissimo, in terza media,

trovare un solo maschietto che da grande non voglia fare il geometra...

 

*

 

"La Banda del Buco" (giovedì 8 giugno - lunedì 17 luglio 2006)

La Banda del Buco (giovedì 8 giugno - lunedì 17 luglio 2006)

Per quei buchi invisibili aperti nelle case, gli uomini, le donne e i bambini si svuotavano:

a poco a poco perdevano nei buchi sé stessi, giorno per giorno si buttavano via...

 

*

 

2005

 

 

"Il Ritratto di Carla" (settembre 2005)

Il Ritratto di Carla (settembre 2005)

Enrico Traini. Traìni, con l’accento sulla prima i. L’avrete sentito nominare, è un pittore abbastanza noto. Ma soprattutto è una bella persona,

e che si fa stimare tale da chiunque non lo sia di meno, perché si sente che il suo essere artista è inscindibile dal suo essere umano...

 

*

 

"La Corriera Immaginaria" (settembre 2005)

La Corriera Immaginaria (settembre 2005)

 Non dimenticherò mai il primo viaggio sulla corriera immaginaria! Ho scritto che andai a sedermi al "solito" posto...

Ma è bene precisare che esso era tale solo per la sua posizione nello spazio...

 

*

 

Gli Alieni erano dei bipedi pelosi molto simili a enormi conigli bianchi, con orecchie grandi in proporzione.

Umani Conigli (agosto 2005)

Un divertente racconto fantastico.

 

 

*

 

2004

 

 

"Contratto con le mamme e i papà di Anticoli Corrado" (lunedì 24 maggio 2004)

Contratto con le mamme e i papà di Anticoli Corrado (lunedì 24 maggio 2004)

Care mamme e cari papà di Anticoli Corrado, sapete che la “riforma” Berlusconi-Moratti toglie ai vostri figli qualcosa di importante?

Ebbene, è così: gli toglie una parte del tempo, della presenza e dell’interesse che gli è dovuto! La strana coppia dice che non è vero.

Dice che i bambini continueranno ad uscire da scuola alla solita ora. Promette “più tempo e più qualità”!... Ma si guarda bene

dal dirvi che i vostri figli, nella scuola media pubblica, avranno d’ora in poi meno ore di insegnamento...

 

*

 

"I Bambini di Tsuga", di Thomas Williams: uno stupendo romanzo, mai pubblicato in Italia, tradotto dall'inglese dal Prof...

I Bambini di Tsuga, di Thomas Williams

Uno stupendo romanzo, mai pubblicato in Italia, tradotto dallinglese dal Prof.

 

*

 

Torna in cima alla pagina                    Home

 

*

 

9 giugno 2007: nellottima Locanda del Fontanile, ad Arsoli, il Prof lavora a ScuolAnticoli.

9 giugno 2007: nell'ottima Locanda del Fontanile di Arsoli (dove si è rifugiato per non essere a Roma insieme a Bush), il Prof lavora a ScuolAnticoli...

 

*

 

Il Prof a Genova, in gita con le Terze, martedì 18 marzo 2008.

Il Prof a Genova, in gita con le Terze, martedì 18 marzo 2008

 

*

 

Dal 1° agosto 2008 il Prof è finalmente un cittadino di Anticoli Corrado! Nella foto, la vista dalla sua nuova casa.

Dal 1° agosto 2008 il Prof è finalmente un cittadino di Anticoli Corrado. Nella foto, la vista dalla sua nuova casa.

 

*

 

Il Prof a Cervara di Roma domenica 7 marzo 2010 (fotografia di Alessio Centamori).

Il Prof a Cervara di Roma domenica 7 marzo 2010 (fotografia di Alessio Centamori).

 

*

 

Il Prof alla manifestazione per la Costituzione e la Scuola di sabato 12 marzo 2011 (da L'Unità).

Il Prof alla manifestazione per la Costituzione e la Scuola di sabato 12 marzo 2011 (da L’Unità).

 

*

 

 

*

 

La facilità con cui i gatti assimilano il cibo è testimoniata dall’antica usanza di tagliare loro, nelle prime settimane di vita, il ciuffetto

di peli posto all’estremità della coda, detto scialanca (dal francone châle, a sua volta dall’hindi shal, pron. “sciaal”, drappo con frange,

+ hanka, parte posteriore del corpo). Si credeva che, se non fosse stato reciso, i gatti sarebbero diventati insaziabilmente voraci.

(Tratto da Jatti e jattareddi”, di Carmelo Tuccitto. Grazie, Paola, per la segnalazione!)

 

*

 

Scrivi al Prof

 

*

 

È uscito...

Leggine qualche pagina in .pdf cliccando qui!

E poi, se vuoi, acquistalo cliccando qui!

(o all’Edicola di Anticoli Corrado).

350 pagine, una più divertente (e più seria) dell’altra,

che costano solo 13,90 euro e valgono... un po’ di più!

 

*

 

C'è una persona per bene ad Anticoli, di libero pensiero, professionalità indiscutibile e raro spessore culturale, che non dovremmo mai smettere di ringraziare per il lavoro svolto con i nostri ragazzi negli ultimi venti anni. In un momento in cui la mediocrità sembra essere lo strumento migliore per il successo e elemento distintivo di molti uomini e donne delle nostre istituzioni, penso sia importante rinnovare pubblicamente la nostra più assoluta stima per Luigi Scialanca, da 23 anni grande professore di Lettere nella nostra scuola media e cittadino attento e partecipe alla vita della nostra comunità. Generazioni di ragazzi hanno avuto la fortuna unica di essere guidati a scuola e nella vita dai suoi insegnamenti, dalla sua didattica innovativa e di altissima qualità, dal suo esempio costante di impegno e serietà. Alcune sue iniziative didattiche, come quella del cineforum e del libroforum, hanno insegnato ai nostri ragazzi a non fermarsi all'apparenza, ad analizzare il senso vero e meno visibile delle cose e degli accadimenti, aiutandoli a diventare adulti consapevoli e responsabili. Molti di loro, alcuni ormai padri e madri a loro volta, ben consci della positiva influenza avuta sulla loro formazione dal suo insegnamento, ancora gli esprimono stima ed affetto. Ritengo che la sua presenza e il suo lavoro qui ad Anticoli (invidiato da molte scuole ed esempio per molti insegnanti), la sua umanità e il suo amore per i bambini ed i ragazzi siano beni preziosi da preservare. Grazie, professore, e buon anno scolastico. Laura Amicone.

Ritratto del professor Scialanca, di Rebecca, ex alunna

 

*

 

 

 

*

 

L’immagine di sfondo di questa pagina, raffigurante piazza delle Ville ad Anticoli Corrado, è un dipinto dell’artista danese Viggo Rhode (1900-1976).

L’ha segnalata a ScuolAnticoli il signor Peter Holck. Rielaborazione grafica di Luigi Scialanca.

 

Torna in cima alla pagina                    Home